venerdì 27 ottobre 2017
Gioielli a quattro e due ruote del passato in mostra fino a domenica in occasione del più prestigioso appuntamento per gli amanti delle auto d'epoca. Spazio anche alle aste e alle novità di prodotto
La passione senza tempo, da guardare e da acquistare

Concorsi, sfilate, aste, l'esposizione di rari “gioielli a motore” alternata alle più recenti novità di prodotto, il Salone Auto e Moto d'Epoca di Padova quest'anno si presenta con un programma davvero fitto. La rassegna, che occupa 11 padiglioni della fiera cittadina e ospita oltre 4.500 vetture, ha aperto ieri e si concluderà domenica 29 ottobre. Numerosi gli elementi di interesse, capaci di attirare anche dall'estero sia i collezionisti sia i semplici appassionati di auto: sono attesi in tutto circa 100mila visitatori.

I “gioielli” di Jaguar, Alfa Romeo, Lancia, Peugeot, Citroen e Volvo

Allo stand Jaguar, per esempio, da citare la presenza della monoposto elettrica I-Type di Formula E, di fianco al nuovo Suv E-Pace e alla wagon XF Sportbrake, con damigelle d'onore due splendide bellezze d'antan, la E-TYPE e la MKT 120. Fiat-Chrysler Heritage è presente con cinque gioielli che hanno scritto pagine importanti nella storia dell'auto. Accompagnati dalle attuali Alfa 4C Spider e 124 Abarth Spider, svettano un'Alfa Romeo 33.3 litri Le Mans del 1970, una Fiat 525 SS del 1929, due Lancia Aprilia degli anni Trenta e una rara Fiat 124 Abarth Rally Gruppo 4. Peugeot presenta insieme alla nuova 308 GTi due pezzi da amatori: la pressoché sconosciuta 305 V6 Sport degli anni Ottanta, per la prima volta esposta in Italia, e la 309 GTI, che ha formato tanti piloti tra cui anche Paolo Andreucci, 10 volte campione Italiano rally. Per Citroen, di fianco alla nuova C3 Aircross, brilla la cinquantenne Dyane, esposta anche nella variante commerciale furgonata Acadiane. I tedeschi della Porsche sfoggiano alla rassegna veneta la GT1 del 1997, proveniente dal Museo di Stoccarda, una 911 ST del 1972, una 911 2.7 del 1974, la supertecnologica 919 LMP1 vincitrice della 24 ore di Le Mans del 2016 e la nuova Panamera 4 E-Hybrid. Il binomio ruote Borrani-gomme Pirelli completa il quadro con i cerchi Turbo Sprint per la Porsche 356: calzano pneumatici appositamente realizzati per il modello dall'azienda della P lunga. Ma da Volvo, che celebra i suoi novant'anni di storia, alle celebri sportive del Toro del Museo Ferruccio Lamborghini, a Volkswagen che conclude qui il suo tour e-Roadshow che ha visto protagonista la nuova Golf elettrica, gli spunti da approfondire sono numerosissimi.

Aste, eventi, dibattiti e spazio alla Formula 1

Le aste di Bonhams propongono invece vari pezzi di pregio tra cui una Mercedes 300 SL del 1957, una Porsche 356 Pre-A 1500 Speedster del 1954 e una Lancia Flaminia Sport 3C Coupé 1962. Più di 30 gli eventi, i dibattiti e le presentazioni previste
nell'Arena ACI da 120 posti, che affianca lo spazio espositivo dedicato alla mostra "Gran Premio d'Italia - Monza Experience",
dove 12 monoposto fanno rivivere le imprese di piloti leggendari come Nuvolari, Ascari, Stewart, De Cesaris e Schumacher.
Tra i tanti appuntamenti in programma, con l'intera giornata di domani, sabato, dedicata allo sport, con l'incontro tra Gian Carlo Minardi e i piloti italiani di Formula 1, Alessandro Nannini, Alex Caffi, Arturo Merzario, Bruno Giacomelli, Nanni Galli e Pier Luigi Martini, al quale segue nel pomeriggio la presentazione del Campionato Italiano Grandi Eventi 2017, nuova serie tricolore di regolarità storica. Domenica gran finale con "Ruote nella Storia", progetto di promozione turistica di ACI Storico in collaborazione con I Borghi Più Belli d'Italia, e la premiazione del concorso fotografico "Uno scatto per il Gran Premio", che assegnerà esclusivi pass ACI per il GP di F1 a Monza e il Wrc Rally Italia Sardegna alle immagini più belle scattate con lo smartphone durante i quattro giorni di Auto e Moto d'Epoca.
L'ingresso alla rassegna è a pagamento: il biglietto giornaliero intero costa 24 euro, il ridotto per ragazzi dai 13 ai 17 anni e per gli invalidi è venduto a 13 euro.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: