Chiesa. Tre nuovi santi, 8 beati: ecco chi sono


venerdì 22 gennaio 2016
Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i decreti riguardanti tre nuovi santi, 8 nuovi beati e 2 venerabili. Tra essi anche 4 italiani: due nuovi beati (Francesco Maria Greco e Elsabetta San) e due venerabili (Arsenio da Trigolo e Maria Luisa del Santissimo Sacramento).Tra i beati si segnala un sacerdote morto nel campo di sterminio nazista di Dachau, Engelmar Unzeitig, "ucciso in odio alla fede" il 2 marzo 1945. Tra i nuovi beati c'è anche il giapponese Takayama Ukon, noto come "il samurai di Dio", convertitosi al cattolicesimo e ucciso anch'egli "in odio alla fede" il 3 febbraio 1615. I 3 nuovi santi sono il laico Giuseppe Sanchez del Rio, 15enne messicano ucciso il 10 febbraio 1928; Stanislao di Gesù Maria, al secolo Giovanni Papczynski, polacco, fondatore della Congregazione dei chierici marini dell'Immacolata Concezione della Beatra Vergine Maria, morto nel 1701. Professore di retorica, ma anche maestro di vita spirituale, predicatore e confessore, dedito alle opere di misericordia, vedeva nell'imitazione della vita evangelica di Maria la fondamentale forma del culto all'Immacolata Concezione.E l'argentino Giuseppe Gabriele del Rosario Brochero, sacerdote diocesano argentino più conosciuto come “Cura Brochero”, figura particolarmente cara a Papa Francesco: nel messaggio per la Beatificazione del settembre 2013, il Papa lo definì “un pioniere nell’uscire verso le periferie geografiche ed esistenziali per portare a tutti l’amore, la misericordia di Dio”.
Nato nel 1840 nella zona di Cordoba, rappresenta il prete che Francesco descrive quando parla dei vescovi, dei sacerdoti, dicendo che il prete deve essere “callejero”, che vuol dire “della strada”: dedicò la sua vita a “uscire a cercare la gente”, scrisse meno di tre anni fa il Pontefice; si spostava per chilometri sul dorso di una mula, attraversando zone disagiate, proprio per farsi vicino a tutti. Morì nel gennaio 1914 a Villa del Transito, che poco dopo fu ribattezzata Villa Cura Brochero. LEGGI TUTTI I NOMI
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: