mercoledì 5 dicembre 2018
La dura smentita al presunto scoop di Le Figaro, ripreso da un quotidiano italiano. «Adiremo alle vie legali per ristabilire la verità»
Il Santuario di Lourdes (Archivio Ansa)

Il Santuario di Lourdes (Archivio Ansa)

«Nessun invito è stato inviato alle coppie gay per San Valentino nel 2019» e «l’articolo pubblicato dalla redazione di Libero Quotidiano, che riprende quanto riportato da quello di Le Figaro, è quindi assolutamente privo di fondamento».

È una smentita secca e chiara quella che arriva dal Santuario di Lourdes riguardo a quanto rilanciato dal quotidiano milanese martedì scorso, sulla scia appunto di una pagina del quotidiano parigino uscita sabato 1 dicembre: la notizia che per la tradizionale festa degli innamorati, il 14 febbraio, il Santuario avrebbe rivolto un invito a venire nel luogo delle apparizioni di Maria a santa Bernadette anche a coppie di persone dello stesso sesso. «L’autore dell’articolo pubblicato da Le Figaro – si legge sempre nel comunicato – che si firma sotto pseudonimo, non ha mai contattato il Santuario, che ha intrapreso le opportune azioni per ripristinare la verità. Il Santuario di Lourdes si oppone fermamente a questa pratica pseudo-giornalistica di divulgazione di informazioni non verificate e menzognere, che portano a scrivere sulla base di voci riciclate, senza entrare in contatto con il soggetto principale di cui si parla».

Santuario che si riserva anche «di adire alle vie legali per ristabilire la verità». La pagina di Le Figaro da cui ha preso origine il caso (ripreso dal quotidiano italiano), trattava di una presunto calo dei pellegrini al Santuario e delle attività commerciali ad esso collegate, e delle strategie poste in atto per rivitalizzare l’afflusso dei devoti. «L’obiettivo del Santuario di Lourdes – precisa il comunicato – non è mai stato quello di “riempire le proprie casse”. Il Santuario è un’associazione religiosa senza scopo di lucro che non ha ambizioni finanziarie, tranne quella di poter continuare la sua missione di accoglienza di tutti i pellegrini che vi si recano per raccogliersi in preghiera, per chiedere una grazia, una conversione o una guarigione».

E «dopo 160 anni di storia, la Grotta di Lourdes rimane un Santuario cattolico. Il suo ministero pastorale pertanto è in pieno accordo con il magistero della Chiesa, soprattutto per quanto riguarda l’accoglienza benevola di tutte le persone».

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: