Vaticano. Papa Francesco incontra Angela Merkel: insieme per abbattere muri


Redazione romana sabato 17 giugno 2017
È la sesta volta che accade. Quaranta minuti di colloquio su Africa, clima e multilateralismo. Francesco esprime le sue condoglianze al cancellerie tedesco per la morte di Kokl
Papa Francesco incontra Angela Merkel: insieme per abbattere muri

È durato circa 40 minuti - in un clima cordiale - il colloquio privato tra Papa Francesco e la cancelliera tedesca
Angela Merke
l, che si sono incontrati oggi in Vaticano per la sesta volta. Il Papa ha fatto alla Merkel le condoglianze per
la morte di Khol, come ha poi riferito la leader tedesca incontrando i giornalisti tedeschi nel centro culturale intitolato a
Benedetto XVI presso il Campo Santo Teutonico che si trova nei pressi dell'Aula delle Udienze. La cancelliera ha elencato i
temi dell'incontro sottolineando la propria sintonia con le posizioni di Francesco: il prossimo G20, che la Germania vede
nell'ottica di uno sforzo per un mondo multilaterale; l'Africa, con la sottolineatura di entrambi gli interlocutori
riguardo all'importanza che l'Unione Europea si impegni su questo tema; infine il Trattato di Parigi, con il rimpianto per
la decisione degli Stati Uniti di uscire da Cop 21.

Un momento dell'incontro molto cordiale tra papa Francesco e Angela Merkel

Un momento dell'incontro molto cordiale tra papa Francesco e Angela Merkel

Lo scambio di doni

La Merkel ha donato al Papa un "dolce di latte", prodotto tipico dell'Argentina che anche lei apprezza, e dei biscotti,
oltre a una collezione di cd di musica classica, in particolare con esecuzioni di Beethoven. Francesco ha risposto con i tre principali documenti del suo Magistero: la Evangelii gaudium, la Laudato sì e l'Amoris laetitia, tradotti in tedesco. E il messaggio della pace del primo gennaio ugualmente in tedesco. "Non in latino?", ha chiesto la Merkel. "No in tedesco", ha replicato Francesco che
ha donato anche la piccola e pregevole scultura dell'albero della pace.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: