lunedì 16 febbraio 2015
Francesco ha incoraggiato con un messaggio personale il "Centro per la protezione dei minori" , segno ulteriore dell’impegno della Chiesa nel contrasto della piaga degli abusi. 
Papa Francesco ha incoraggiato con un breve ma caloroso messaggio personale il "Centro per la protezione dei minori" (Ccp) rilanciato dalla pontificia Università Gregoriana. Segno ulteriore dell’impegno della Chiesa cattolica nel contrasto della «piaga» degli abusi verso i più piccoli e i più deboli perpetrati da chierici. Il pontefice ha indirizzato il suo biglietto gratulatorio, scritto in spagnolo, al «querido hermano», padre Hans Zollner, vicerettore accademico dell’ateneo e presidente del Ccp. E in esso ha inviato un «cordiale saluto» al gesuita tedesco e «a tutti quelli che lavorano» in questa impresa. «Mi rallegro molto» della nascita del Centro, ha scritto il Papa, e «mi felicito di cuore». «So – ha aggiunto – che tutto questo lavoro darà i suoi frutti. Chiedo al Signore che lo accompagni e alla Vergine Madre che lo protegga». Il messaggio del Papa è stato letto dal cardinale Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston e presidente della neocostituita pontificia Commissione per la tutela dei minori, nel corso di una conferenza stampa in cui è stato annunciato che il Ccp terminata la fase pilota di tre anni, fissa la sua sede a Roma, si rinnova ed espande su scala internazionale il proprio lavoro di prevenzione degli abusi sessuali.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: