mercoledì 11 luglio 2018
Calcio, alla festa di Italia 90 vince la Germania Ovest. Chiude la Torre di Pisa per dodici anni. In Sicilia ucciso Livatino. Avvenire, Lino Rizzi direttore
Dall’8 giugno vanno in scena  i Mondiali di calcio  di Italia 90 In tutto il Paese è una grande festa collettiva  con la colonna sonora  di Edoardo Bennato e Gianna Nannini (Ansa)

Dall’8 giugno vanno in scena i Mondiali di calcio di Italia 90 In tutto il Paese è una grande festa collettiva con la colonna sonora di Edoardo Bennato e Gianna Nannini (Ansa)

Comincia un nuovo decennio, cambiano molte cose in Italia e nel mondo, si succedono accadimenti destinati a lasciare il segno. Li vedremo. Al vento del cambiamento non si sottrae Avvenire che in questo 1990, a ottobre, vede l’insediamento di un nuovo direttore. Il prescelto dalla proprietà per prendere il posto di Guido Folloni è Lino Rizzi, professionista di lungo corso e di vasta esperienza, un gentiluomo mite che reggerà le sorti del giornale per tre anni, in maniera egregia. Il suo arrivo nella sede centrale di via Mauro Macchi a Milano segue di poche settimane la scomparsa di Luciano Riccomini, il nostro condirettore spentosi improvvisamente il 5 settembre mentre si trovava in vacanza in Sardegna. Un grave lutto per tutti noi della squadra, un vuoto che lascia sgomenti.

Ma andiamo con ordine nel seguire la cronologia del ’90. Cominciamo da casa nostra, da un monumento che tutto il mondo conosce e che è in pericolo, la Torre di Pisa. Il 7 gennaio ne viene decretata la chiusura per avviare i lavori destinati a frenare l’inclinazione sempre più accentuata. Chiusura che durerà 12 anni, fino al dicembre 2001, quando i 293 gradini saranno nuovamente percorribili. Costo della messa in sicurezza e del maquillage 55 miliardi di lire.

A fine gennaio, il giorno 30, finisce l’incubo per un ragazzo di Pavia e per la sua famiglia: il giovane Cesare Casella viene liberato presso Careri, in Calabria, dopo ben 743 giorni di prigionia nelle mani di una cosca locale. Rapimento a fine di estorsione. La madre per sensibilizzare al suo dramma le autorità nazionali e le comunità locali era andata laggiù e si era incatenata in una tenda per condividere la medesima condizione del figlio.

Febbraio: il giorno 2 il governo e il parlamento del Sudafrica legalizzano l’African National Congress, il partito della gente di colore che ora può battersi in maniera aperta, senza vincoli, per il superamento dell’Apartheid. Il giorno 11 esce dal carcere Nelson Mandela, il leader più prestigioso dell’Anc. È stato in catene per 28 anni; sarà presidente del nuovo Sudafrica dal 1994 al 1999.
Torniamo ora in Italia, perché il 10 marzo succede qualcosa di valenza davvero storica. Durante una riunione politica al quartiere Navile (ex Bolognina) di Bologna il segretario del Pci Achille Occhetto aveva annunciato tempo prima una grande svolta che ora si concretizza con la nascita del Pds, il Partito democratico della sinistra, uno dei genitori del Pd di oggi. Intanto, il 18, i cittadini della Repubblica democratica tedesca, la Germania dell’Est, si recano alle urne per le prime elezioni libere dopo gli anni bui del nazismo prima e del comunismo di stretta osservanza moscovita dopo. Il mondo capisce che gli assetti europei e la stessa carta geografica del continente dovranno essere modificati, infatti il 3 ottobre le due Germanie si riunificano in un’unica entità, e la capitale passerà presto da Bonn a Berlino.

Parlare del 1990 non si può se non si ricorda Italia ’90, il campionato mondiale di calcio ospitato nel nostro Paese a partire dall’8 giugno e vinto dalla Germania Ovest (ancora per poco Ovest) grazie al successo nella finale contro l’Argentina, che aveva battuto gli azzurri nella semifinale. Evento calcistico a parte, pochi ricordano oggi che in occasione del mondiale entra in esercizio in Italia la rete di telefonia mobile e fanno la loro comparsa i primi telefonini (che proprio <+CORSIVOA>ini<+TONDOA> non sono, date le dimensioni) chiamati subito cellulari.

L’estate è pesantemente condizionata dai fatti del Kuwait, che tengono il mondo con il fiato sospeso e avranno pesanti strascichi perduranti fino a oggi. A settembre, il giorno 21, viene assassinato in Sicilia un giovane magistrato, Rosario Livatino, il "giudice ragazzino". Ad agire sono stati i sicari della Stidda agrigentina, malavitosi in contrasto con Cosa nostra. Per Livatino è in corso il processo canonico di beatificazione.

Il 13 ottobre viene riconsacrata a Mosca la cattedrale di San Basilio, chiusa dai bolscevichi nel lontano 1917. Anche la Russia sta cambiando. E pure il Regno Unito in verità: il 21 novembre la lady di ferro Margaret Thatcher si dimette da primo ministro e lascia Downing Street dopo 11 anni. Il 9 dicembre il leader di Salidarnosc Lech Walesa viene eletto presidente della Repubblica in Polonia.

Un altro polacco, il Santo Padre Giovanni Paolo II, ha viaggiato molto in Africa nel 1990: Capo Verde, Guinea Bissau, Mali, Burkina e Ciad a gennaio; Tanzania, Burundi, Ruanda e Costa d’Avorio a settembre. Il 18 ottobre il Papa ha promulgato il Codice canonico per le Chiese orientali. Il 7 dicembre ha infine pubblicato l’enciclica Redemptoris missio sulla permanente validità del mandato missionario.

VAI AL 1988 | VAI AL 1991►

© Riproduzione riservata