Il direttore risponde. Predicazione e candidatura tristi


Marco Tarquinio sabato 20 aprile 2013
Gentile direttore,
«Senza il Vaticano l’Italia sarebbe migliore?». Con questo titolo un po’ retorico e ad effetto, fatto ad arte per surriscaldare gli animi e per attirare pubblico, i paladini del laicismo offrono in questi giorni a Reggio Emilia, e non solo, le Giornate della Laicità. Il tema principale seguirà il filone ispirato dall’intervento del professor Stefano Rodotà e cioè «Il diritto di avere diritti» nella mutevolezza e nel cambiamento continuo della società e dei suoi costumi. Sotto l’intenzione di prendere a bersaglio il Vaticano c’è molto di più. Tutto muta e cambia secondo il laicismo e dunque perché non aprire alla marijuana libera o alle stanze del buco (per drogarsi) come a Parigi e presto anche a Londra senza ascoltare i genitori, i nonni, i medici, gli educatori? Tutto è mutevole e dunque perché non permettere le gravidanze "affittando" l’utero di poverissime donne indiane per dare un figlio a una coppia di uomini? Perché non permettere gratuitamente tutte le pillole "del giorno dopo" alle minorenni? Perché accettare ancora l’obiezione di coscienza dei medici all’aborto che si fonda sull’articolo 3 della Costituzione ed è un diritto inviolabile della persona? Perché rianimare un infartuato o curare un anziano che non guarirà? Senza tirare in ballo la religione e il Vaticano, non si dovrebbe scappare però da queste domande: chi pagherà i danni da incidente stradale dovuti all’uso di cannabis? Chi consolerà i genitori, i figli, il coniuge dopo le tragedie dello sballo? Chi aiuterà i giovani dopo che avranno fatto tutto quel che volevano e sentiranno il vuoto? Chi dirà a un bambino che cerca il suo vero padre che questi è un anonimo donatore (o venditore) di seme, o a un nipotino che il nonno era meglio che morisse? Secondo gli organizzatori delle Giornate della Laicità la colpa dell’arretratezza dell’Italia (e forse del mondo) è del Vaticano, ma questo è un ritornello sempre meno ascoltato...
Gabriele Soliani, Reggio Emilia
 
Già, caro signor Soliani. Ma visto e considerato che Stefano Rodotà, relatore principe in quel del Festival laicista di Reggio Emilia, è stato ed è ancora decantato come candidato di "garanzia" e di "cambiamento" da un battagliero gruppo di novisti e vecchisti della politica e della opinionistica italiana, forse è il caso di aggiungere una domanda alla raffica che lei propone: ma come si fa pensare di poter sostenere che un intellettuale ed ex politico così fortemente e duramente schierato è «uomo di unità»? A mio parere, poi, basta e avanza la sua negazione del diritto all’obiezione di coscienza per coprire di ridicolo chi si affanna a qualificarlo come "super partes". Chi non riconosce e non rispetta laicamente e "senza se e senza ma" quel fondamentale diritto di ogni persona umana, chi non accetta che un uomo o una donna possano rifiutare di farsi complici di qualunque atto che in qualunque modo porti morte, può anche essere cittadino specchiato e giurista raffinato, ma non potrà mai essere una figura alla quale guardare con fiducia e alla quale affidare la più alta magistratura della nostra libera e democratica Repubblica. Per questo, caro amico, credo che certa predicazione di Rodotà sia triste, come questa sua candidatura a presidente usata come bandiera ed esca.
© Riproduzione riservata

Opinioni

Antonella Mariani
Il "Dipartimento mamme" creato dalla segreteria nazionale dei democratici la scorsa settimana solleva alcuni interrogativi. Di cosa si occuperà la responsabile Titti Di Salvo?
Mauro Armanino
Un articolo di Repubblica conferma e rafforza affermazioni che da convenzionali si trasformano via via in pericolose espressioni di sintonia coi venti dominanti del sistema
Marco Girardo
Nella battaglia navale tra Italia e Francia per i cantieri di Saint-Nazaire stanno emergendo tutte le complessità che caratterizzano il sistema economico globalizzato del Terzo millennio.