L'indifferenza uccide. Le suore uccise in Yemen: neanche una breve in cronaca


Marco Tarquinio martedì 8 marzo 2016
Non solo «niente copertine» di giornali, come dice papa Francesco con una tristezza inascoltata come forse mai prima. Ma neanche una breve in cronaca. Questo vale per il sistema dei media e per i potenti del mondo la strage di Aden: il massacro di quattro suore dell’ordine di Teresa di Calcutta, sorelle di tutti, e dei loro collaboratori musulmani. Le hanno odiate a morte perché spose di Cristo e testimoni della civiltà dell’amore dentro una guerra che proprio mai è stata "civile" in Yemen, periferia d’Arabia, epicentro dello scontro tra sunniti e sciiti reso più letale da comp
iacenze internazionali e mercanti d’armi d’Occidente e d’Oriente. Quando ci sono martiri veri, troppi non vedono, non spiegano e non denunciano.L’odio e l’ingiustizia continuano a circolare e a crescere. E i cristiani, e con loro uomini e donne di buona volontà di ogni fede, continuano a essere crocifissi. Oggi, 8 marzo, noi diciamo sopra a tutti i nomi di Annselna, Judith, Margarita e Reginette. Serve cristiane dei più poveri e dei senza potere. Donne di Dio: buone, libere, coraggiose. Neanche degne di una breve in cronaca. L’indifferenza uccide, e riuccide.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Opinioni

Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa
Ferdinando Camon
L’importante è tendere verso, lavorare per, preparare la liberazione dei non-liberi, di cui il mondo è sempre pieno. Non solo il mondo dove vivono gli altri ma anche il nostro mondo, dove viviamo noi

Opinioni

Vittorio E. Parsi
Al ballottaggio, le paure, le aspettative e il malessere dei ceti bassi e medio bassi saranno più facilmente rappresentate da madame Le Pen che da monsieur Macron
Le nostre voci di Marina Corradi
Pensiamo ai giovani di allora, persone che hanno messo a rischio la propria vita per ideali buoni per tutti, la libertà e la democrazia