L'indifferenza uccide. Le suore uccise in Yemen: neanche una breve in cronaca


Marco Tarquinio martedì 8 marzo 2016
Non solo «niente copertine» di giornali, come dice papa Francesco con una tristezza inascoltata come forse mai prima. Ma neanche una breve in cronaca. Questo vale per il sistema dei media e per i potenti del mondo la strage di Aden: il massacro di quattro suore dell’ordine di Teresa di Calcutta, sorelle di tutti, e dei loro collaboratori musulmani. Le hanno odiate a morte perché spose di Cristo e testimoni della civiltà dell’amore dentro una guerra che proprio mai è stata "civile" in Yemen, periferia d’Arabia, epicentro dello scontro tra sunniti e sciiti reso più letale da comp
iacenze internazionali e mercanti d’armi d’Occidente e d’Oriente. Quando ci sono martiri veri, troppi non vedono, non spiegano e non denunciano.L’odio e l’ingiustizia continuano a circolare e a crescere. E i cristiani, e con loro uomini e donne di buona volontà di ogni fede, continuano a essere crocifissi. Oggi, 8 marzo, noi diciamo sopra a tutti i nomi di Annselna, Judith, Margarita e Reginette. Serve cristiane dei più poveri e dei senza potere. Donne di Dio: buone, libere, coraggiose. Neanche degne di una breve in cronaca. L’indifferenza uccide, e riuccide.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Opinioni

Marco Vergottini
Capita che qualche (troppo) intraprendente vaticanista sbandieri la notizia (infondata) di una nuova nomina, con nome e cognome. È forse questa la deontologia professionale?
Marco Girardo
Duecentomila soci delle ex Popolari venete sono finiti sul lastrico per il meccanismo perverso delle «operazioni baciate», come si chiamano in gergo...

Opinioni

Stefania Falasca
È l’aiuto economico che i fedeli offrono al Successore di Pietro, come segno di adesione alla sua sollecitudine per le molteplici necessità della Chiesa universale.
Luigino Bruni
Le esperienze più profonde e intime sono preziose perché generate e vissute nel segreto impronunciabile del cuore. Ci donano una nuova profondità, ci fanno intravvedere una nuova interiorità...
Fulvio Scaglione
La redistribuzione dei richiedenti asilo nei diversi Paesi è un fiasco colossale e gli interventi in Africa per dare sollievo ai Paesi di partenza attendono di essere rifinanziati