Sudan. Meriam deve vivere: qui la tua adesione


giovedì 15 maggio 2014

Meriam è una giovane donna sudanese, di religione cristiana ortodossa, condannata all’impiccagione da un tribunale del suo Paese il 15 maggio perché sposata a un cristiano. Meriam ha 27 anni, un figlio di 20 mesi e un'altra, la piccola Maya, nata in prigione il 27 maggio. Il 23 giugno la svolta: dopo una massiccia campagna di mobilitazione internazionale, a cui anche Avvenire e il suo sito hanno dato un contributo importante, raccogliendo 81mila email all'inirizzo meramdevevivere@avvenire.it e oltre 8.100 adesioni al guestbook aperto su sito (qui sotto puoi leggere i commenti), la Corte d'appello sudanese ha ordinato la liberazione della giovane donne. LEGGI LA SUA STORIAPER LA TUA ADESIONE ALLA CAMPAGNA DI AVVENIRE CLICCA SUL RIQUADRO "SCRIVI" OPPURE MANDA UNA MAIL ALL'INDIRIZZO meriamdevevivere@avvenire.it

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Mondo

Giorgio Ferrari
Un jihadismo fai-da-te, nascosto tra le pieghe dimenticate dell'opulenta e spesso indifferente Europa, al quale si deve rispondere con ogni mezzo. Evitando l'unico pericolo: assuefarsi

Mondo

Alessandro Zaccuri
Le immagini non mancano, in casi come questi: si tratta di un effetto ormai ampiamente previsto dai terroristi, che non per niente preferiscono colpire ai crocevia dell’affollamento globale.