sabato 25 giugno 2022
La previsione di Nomisma Energia sui prezzi per il mercato tutelato, che l'Arera aggiornerà nei prossimi giorni. Il governo potrebbe intervenire per calmierarli
Verso nuovi pesanti rincari per luce e gas: +17% l'elettricità, +27% il metano

Ansa

COMMENTA E CONDIVIDI

Nei prossimi giorni l’Arera, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, dovrà comunicare l’aggiornamento delle tariffe per le bollette per il prossimo trimestre, quello che va da luglio a settembre. Sono prezzi che si applicano ai clienti che stanno sul mercato tutelato, mentre sul mercato libero ci sono offerte diverse, molto spesso a prezzo fisso.

In base all’andamento delle quotazioni di elettricità e gas, secondo le stime di Nomisma energia, il prezzo dell’elettricità dovrebbe aumentare del 17%, a 48,5 centesimi per kWh, mentre quello del gas del 27%, a 1,57 euro per metro cubo. Per una famiglia tipo questi aumenti si traducono in una maggiore spesa annua di 194,4 euro per l’elettricità e di 462 euro per il gas.

«Inevitabilmente, ci si attende un forte rialzo sulle bollette, diversamente da quanto accaduto ad aprile quando avevano segnato un -10%. Ora si torna sul trend di crescita» spiega Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia. Possibile, come avvenuto l’anno scorso, che l’Arera concordi con il governo di contenere i rialzi. «La decisione finale spetta all'Arera – conferma tabarelli – che certamente tenterà qualche intervento, con l’aiuto del governo, per limitare l'impatto della crisi sulla spesa dell'energia delle famiglie».


© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI