lunedì 4 giugno 2018
Regolare in Italia, viveva in tendopoli. Centrato alla testa da un colpo di fucile mentre aiutava due amici, anch'essi regolari, ad asportare lamiere da una fornace abbandonata per farsi una baracca
La marcia dei braccianti con il ritratto della vittima (Lapresse)

La marcia dei braccianti con il ritratto della vittima (Lapresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

Aveva accompagnato due amici del Mali, come lui, a prendere lamiere per sistemare la loro baracca. Ma da quel viaggio a piedi dalla tendopoli di San Ferdinando (Reggio Calabria) a un vecchio stabilimento abbandonato in località "ex Fornace" di San Calogero, Sacko Soumaila, di 29 anni, è tornato morto. Ucciso da un pallettone sparato da un fucile che lo ha centrato alla testa.

La fototessera di Soumaila (Fotogramma)

La fototessera di Soumaila (Fotogramma)

Un omicidio su cui i carabinieri della Compagnia di Tropea e i magistrati della Procura di Vibo Valentia sembrano essere prossimi a giungere alla soluzione. Una pista ben precisa, infatti, sarebbe stata imboccata per dare un nome e un volto a colui che nel tardo pomeriggio di sabato ha sparato quattro colpi di fucile, uccidendo Soumaila e ferendo due suoi connazionali. Non si tratterebbe di xenofobia: di questo gli inquirenti sembrano essere certi e così le attenzioni si sono rivolte sul movente della vendetta per l'asportazione delle lamiere.

Il racconto del testimone

A raccontare ai carabinieri cosa è successo è stato Drame Madiheri, 39 anni, rimasto lievemente ferito a una gamba. Un racconto ripetuto all'agenzia Ansa: "Servivano delle lamiere e siamo andati in quella fabbrica. Siamo partiti a piedi dalla tendopoli e giunti sul posto avevamo fatto in tempo a recuperare tre lamiere quando qualcuno è arrivato a bordo di una Fiat Panda vecchio modello e ci ha sparato addosso, Sacko è caduto colpito alla testa. Io ho sentito un bruciore alla gamba. Ho visto quell'uomo, bianco, con il fucile. Ha esploso quattro colpi dall'alto verso il basso". Un racconto che adesso è la base di partenza per gli investigatori per risalire all'autore. Il ferito è stato subito soccorso e trasportato nell'ospedale di Reggio Calabria, ma la gravità della ferita non gli ha lasciato scampo ed è morto prima che i medici potessero fare qualcosa per tentare di salvarlo.

La fornace abbandonata e lo spettro dei rifiuti tossici

Teatro della tragedia una vecchia fornace nel comune di San Calogero, a pochi chilometri dalla tendopoli. Una struttura abbandonata dopo che, una decina d'anni fa, fu sequestrata nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Vibo Valentia perché nel suo sottosuolo sarebbero state stoccate illecitamente oltre 135 mila tonnellate di rifiuti pericolosi e tossici.

LA MAPPA L'Italia dei braccianti schiavi: 3 euro l'ora di Daniela Fassini

Vittima e feriti sono regolari in Italia. Il caso Rosarno

La vittima era regolare in Italia, come i due connazionali. Nel nostro Paese era giunto prima del 2010. Lui viveva nella nuova tendopoli, allestita un anno dopo dopo un devastante incendio, ma aveva deciso di aiutare i due amici che invece abitano nella baraccopoli situata a poche centinaia di metri dalla prima.

Una baraccopoli nata nel 2010, dopo quella che fu definita la "rivolta di Rosarno", con giorni di scontri che videro contrapposti i migranti che annualmente affollano la piana di Gioia Tauro in cerca di un lavoro nei campi, e gli abitanti del paese. Una rivolta nata dopo alcuni colpi di fucile caricati a pallini sparati contro tre nordafricani. Più volte si è parlato dello smantellamento della baraccopoli e di una sistemazione dignitosa dei migranti, ma finora la situazione è rimasta invariata.

Soumaila era in prima fila nelle lotte dell'Unione Sindacale di Base per i diritti sindacali e sociali dei braccianti, dicono adesso i sindacalisti che hanno proclamato per lunedì uno sciopero dei braccianti della piana di Gioia Tauro.

La marcia dei braccianti: vogliamo giustizia per Soumali

Un amico mostra la foto della vittima (Lapresse)

Un amico mostra la foto della vittima (Lapresse)

I braccianti hanno marciato fino al Comune di San Ferdinando, attraversando le strade del Paese e mostrando la fotografia del ragazzo incollata su pezzi di cartone. Per tutti ha parlato un amico della vittima: "Chiediamo giustizia. Soumaila Sacko era padre di una bambina di 5 anni e aveva una moglie in Mali", ha detto. Una delegazione è stata ricevuta dal Comune. Tra l'altro, i dimostranti lamentano di non avere da due giorni l'acqua nella nuova tendopoli allestita nell'agosto scorso dalla Protezione Civile regionale.

Le richieste degli amici di Soumaila

La marcia dei braccianti dopo l'uccisione di Soumaila (Lapresse)

La marcia dei braccianti dopo l'uccisione di Soumaila (Lapresse)

Ecco le richieste che gli amici di Soumaila hanno rivolto al sindaco: il rimpatrio della salma, l'istituzione di una "cassa di
resistenza e di solidarietà" per sostenere le spese legali del processo per l'uccisione del giovane, la restituzione del corpo alla famiglia e un incontro con il nuovo ministro del lavoro, Luigi Di Maio. Le richieste sono state sintetizzate, alla fine della
riunione, da Aboubakar Soumahoro, rappresentante dell'Usb, sindacato a cui il giovane ucciso era iscritto, giunto da Roma
per partecipare alla manifestazione dei braccianti africani. La richiesta più forte è proprio quella di superare la logica dell'emergenza e delle tendopoli.

La tendopoli di San Ferdinando'Rosarno dove vivono gli immigrati che lavorano nella raccolta degli agrumi della PIana di Gioia Tauro (Fotogramma)

La tendopoli di San Ferdinando/Rosarno dove vivono gli immigrati che lavorano nella raccolta degli agrumi della PIana di Gioia Tauro (Fotogramma)

La solidarietà del vescovo

“Dal punto di vista umano quanto accaduto è assolutamente assurdo, non si può ammazzare una persona per un possibile furto di lamiera abbandonata”. Così mons Luigi Renzo, vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, commenta all'agenzia Sir la morte di Soumaila Sacko. “Manifestiamo la solidarietà e la vicinanza per questa e per tutte le situazioni di precarietà cui sono costretti i migranti”, afferma il vescovo, sottolineando come “spesso basta un niente perché questi giovani paghino anche con la vita”.

Don Demasi (Libera): morte assurda, riflettiamo sulle ragioni del dramma

"La morte assurda e violenta di Soumaila Sacko ci rende da una parte vogliosi di verità e giustizia ma dall'altra non può non provocare dentro ognuno di noi una riflessione sulle ragioni del dramma, sulla sua origine, sulle dimensioni di un fenomeno che coinvolge il nostro Paese ma anche il nostro territorio". È quanto afferma, in una nota, don Pino Demasi, parroco del Duomo di Polistena e referente di Libera per la Piana di Gioia Tauro. "Le forme stanziali così massicce - prosegue il sacerdote - dei migranti nell'area industriale di Gioia Tauro-Rosarno-San Ferdinando impongono ormai scelte di coraggiosa umanità e di rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo". Vanno trovate "forme diverse di accoglienza ed integrazione, che azzerino lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo, che superino il dramma delle baracche e dell' emarginazione. Responsabilità che devono partire a cominciare dalle più alte cariche dello Stato fino all'ultimo dei sindaci della Piana. Ci sono ragioni umane e sociali che impongono una svolta prima che sia troppo tardi. Prima che dilaghino forme di contrapposizione che rischiano di impoverire sempre più il dialogo e le possibili soluzioni".

Incendiato un centro per migranti a Isernia

Sono ancora senza un nome anche gli autori dell'incendio che, la notte scorsa, ha danneggiato una palazzina destinata a centro per migranti, a Pescolanciano, in provincia di Isernia. La struttura, su disposizione del prefetto di Isernia, dovrebbe ospitare 16 richiedenti asilo, nonostante l'opposizione del sindaco e del popolazione. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri. Il primo cittadino del piccolo centro, Manolo Sacco, segue l'evolversi degli eventi e si dice "fortemente preoccupato". "La tensione - osserva - è altissima. La settimana scorsa avevo convocato una riunione proprio per discutere dell'arrivo dei migranti in paese. In quella occasione i residenti ribadirono la ferma contrarietà".

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: