mercoledì 27 novembre 2013
Riuniti i Gruppi di Nuovo centrodestra di Camera e Senato presso la commissione Difesa di Palazzo Madama.
Angelino Alfano ha riunito i Gruppi di Nuovo centrodestra di Camera e Senato presso la commissione Difesa di Palazzo Madama al termine del voto sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. "Abbiamo riunito i Gruppi parlamentari al termine di una giornata non bella, anzi brutta, per la democrazia italiana", ha detto Alfano durante la conferenza stampa al Senato assieme al presidente dei senatori di Ncd, Maurizio Sacconi, al capogruppo alla Camera, Enrico Costa, e a Renato Schifani. "Oggi è stato estromesso dal Parlamento un uomo votato da milioni di cittadini e questo risultato arriva al termine di una storia di 20 anni. Riteniamo questa decadenza ingiusta. Ora dobbiamo portare avanti la riforma della giustizia, il tema della giustizia non può e non deve uscire dall'agenda, è ineludibile. La nostra missione è di portare a termine la riforma entro i prossimi 12 mesi", ha aggiunto Alfano. "Il voto di oggi? Un atto grave, un danno non solo a Berlusconi ma alla nostra stessa coesione nazionale". Lo dice Maurizio Sacconi. "Mi auguro - aggiunge - che Berlusconi nel corso della manifestazione potrà rivendicare fino in fondo le proprie ragioni che ne fanno la vittima di una questione giudiziaria che c'è da più di 20 anni. La nostra amarezza è che non siamo riusciti in questi 20 anni a realizzare  delle riforme della giustizia significative"."Oggi il rischio è che l'aula di Palazzo Madama si trasformi in una grande sala di palla a corda nella quale, sul voto per la decadenza da senatore del presidente Silvio Berlusconi, prevalgono posizioni e istinti giacobini. Questo pericolo ci preoccupa e dovrebbe preoccupare l'intero Paese. Esprimo al presidente Berlusconi la mia solidarietà e vicinanza". Lo dichiara il consigliere regionale Pdl-Ncd Roberto Benedetti, vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, da Dunkerque dove si trova in missione istituzionale per prendere parte a una conferenza internazionale.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: