mercoledì 25 giugno 2014
COMMENTA E CONDIVIDI

Un capitello dopo l'altro, una lapide e poi ancora un'altra, una scritta da decifrare, una decorazione da riportare al suo antico splendore... Il restauro della Pieve di Gropina, capolavoro del sacro in pieno Valdarno, nel Comune di Loro Ciuffenna, luogo di grande magia e spiritualità, è un work in progress da decenni. Finanziato anche da piccole iniziative locali come quella che si svolgerà domenica 29 giugno (IL PROGRAMMA): una merenda insieme, una gara podistica per ragazzi... E tutto, fino all'ultimo euro, sarà impiegato per proseguire il certosino lavoro di restauro e mantenimento dell'antica pieve dedicata per l'appunto a Pietro e Paolo. A oggi è stato riparato il tetto, effettuata la conservazione materica delle porte e, grazie a uno sponsor privato, messo in opera un nuovo impianto di illuminazione che ha riguardato sia la parte superiore che la parte interrata dove si trovano i resti dalla pieve paleocristiana e di quella longobarda. Quest'anno sono stati recuperati 4 capitelli. L'obiettivo è di recuperare risorse per restaurare tutti i capitelli.

La chiesetta, che si affaccia a una piazzetta che è anche cuore del  minuscolpo borgo di Gropina, è uno degli esempi più alti dell'architettura romanica in Toscana, con però resti di una prima chiesa del V-VI secolo e di una seconda a due navate del VIII-IX secolo. Tanto spogli sono gli esterni, così riccamente decorati sono gli interni, e in particolare meraviglioso è l'ambone scolpito con figure zoomorfe. Qui di seguito una selezione di foto e di video per conoscere più da vicino la Pieve di San Pietro. Il video musicale "Comunione, volando sopra il cielo di Gropina", musica composta da Orio Odori, eseguita da La Banda Improvvisa. 

 

 L'interno 

Il pulpito
La navata centrale
Un capitello con la raffigurazione della scrofa

 

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: