domenica 14 agosto 2011
COMMENTA E CONDIVIDI
Caro direttore, anche quest’estate, che in realtà per noi non è ancora arrivata, ho deciso di portare in vacanza con la mia famiglia A., una bimba rom compagna di scuola di mia figlia. A. ha dei begli occhi scuri scintillanti, dei capelli neri lunghi e morbidi, è molto gentile e socievole, è tranquilla, affettuosa e serena. Da quando la conosco, e cioè dallo sgombero, nel novembre 2009, del campo Rom di Rubattino a Milano avvenuto nel freddo, nel buio, nel fango e nella distruzione, lei, giorno per giorno, ha acquistato gradualmente fiducia nelle persone che l’hanno sostenuta: mamme, maestre, compagni di scuola e volontari della Comunità di Sant’Egidio; ha permesso che si potessero tessere intorno a lei delle relazioni di amicizia, di aiuto e i suoi momenti di buio e di chiusura sono stati sempre meno, i suoi occhi hanno cominciato a ridere e si è affidata completamente alla nostra compagnia, alle nostre attenzioni e alle nostre cure e la mia famiglia è diventata anche la sua.A. ha una mamma, un papà e dei fratellini con cui, da un po’ vive in una casa ad affitto calmierato: il suo papà è riuscito a trovare un lavoro; i suoi fratellini entreranno anche loro a scuola e all’asilo e così avranno il giusto posto in mezzo agli altri bimbi, la sua mamma sta migliorando il suo italiano grazie alla frequenza di un corso per stranieri e sta facendo lavori come domestica in un agriturismo e in qualche abitazione privata e lei A.continuerà il suo percorso scolastico: studio che è diritto fondamentale di ogni bambino e che per lei significa anche conquista di rispetto, di dignità e promessa di un futuro migliore e meno fragile. Quest’estate A. ha imparato a giocare a ping pong, ha fatto i compiti, ha letto tanto, è stata all’aria aperta e ha conquistato anche i nonni (i miei genitori ) raccontando tante storie dei suoi parenti in Romania… È talmente entrata in famiglia che ho dovuto dirimere e gestire momenti di gelosia da parte della mia bimba che ha percepito come questo legame stia diventando sempre più forte e profondo e da figlia unica ha dovuto fare i conti con un’altra presenza con cui dividere affetto, attenzioni, spazi , giochi e attività. Questo, anche se a volte un po’ faticoso per me e difficile per mia figlia, penso sia un altro bel risultato, assieme al fatto che si è iniziato ad abbattere dei pregiudizi, ad accorciare le distanze, a difendere dei diritti fondamentali e a creare relazioni strette .

Anna Cossovich, Milano

Che bella storia, cara signora Cossovich, quella sua, di A. e di una famiglia che (come tutte le vere famiglie) è normale e straordinaria. Una bella storia estiva.Anzi, una storia che non ha stagioni o forse ne ha una nuova di zecca. Una storia di persone, che avvicina e unisce due nuclei familiari e tanti altri ancora. Una storia di comunità, insomma. Di quelle che si continuano a scrivere nei nostri giorni e nelle nostre città (magari, in apparenza, solo affannate e grigie) quando le donne e gli uomini si ricordano – e almeno noi cristiani, che lo impariamo da piccoli, non dovremmo dimenticarlo mai – di essere già parte di una stessa famiglia. Una famiglia dove nessuno è di troppo, nessuno è sbagliato, nessuno è facile e nessuno è impossibile da amare. Grazie a lei per aver condiviso con noi questi pensieri e questo po’ di vita. Un bacio a sua figlia e ad A. Buonissime vacanze.

Marco Tarquinio

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: