«Io obiettore dico: meglio il militare». E io ripeto: servizio civile per tutti...


Marco Tarquinio sabato 18 marzo 2017

Caro direttore,
visto il dilagare di teppismo giovanile e violenze adolescenziali, da obiettore di coscienza della prima ora (fatti, inizio anni 80 del Novecento, ventidue mesi di servizio civile) arrivo a pensare che forse sarebbe meglio il ripristino del servizio militare.
Teresio Asola


Credo che lei, gentile e caro amico, non voglia accreditare l’idea di una generazione integralmente perduta perché presa dal fascino e dalla pratica della violenza (non è così, anche se i casi si moltiplicano e pesano sull’anima e sulla coscienza). Per questo prendo molto sul serio l’allarme che mi propone in forma paradossale. «Io, obiettore, dico: meglio il militare…». Perché una grande questione educativa e di formazione alla cittadinanza responsabile c’è, eccome, anche in un Paese pieno – checché se ne dica – di tanta gente generosa e perbene di ogni età e di ogni condizione sociale. Comunque, sì: in una Repubblica che ha una Costituzione antibellicista come la nostra (articolo 11, «L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali...»), penso anch’io che un servizio militare reso con spirito di pace sia assolutamente preferibile allo sciupìo di tempo e umanità che può portare anche a piccole e grandi follie teppistiche. Per questo, a suo tempo, da uomo di pace quale ho sempre cercato di essere, e dopo essermi interrogato a lungo sulla scelta da fare, io ho prestato – a differenza sua, caro Asola – servizio militare. Oggi, come ho detto e scritto più volte, sono favorevolissimo a un servizio civile obbligatorio (magari "a rate", per un paio d’estati) che sia davvero universale. Un servizio civile cioè che, con poche e rigorosamente motivate esenzioni, coinvolga proprio tutti i nostri concittadini più giovani. E penso che tantissimi di loro lo vivrebbero molto bene e, alla fin fine, molto volentieri. Credo, infatti, che un’esperienza come questa contribuirebbe a dimostrare concretamente ai nostri figli e nipoti, uomini e donne, quanto sia giusto, utile e bello che ai diritti di cittadinanza corrispondano chiari e solidali doveri di cittadinanza. Sono pure convinto che questo servizio alla nostra comunità nazionale incanalerebbe, per così dire, e disciplinerebbe (di quella disciplina interiore, senza la quale non si diventa né davvero adulti né davvero solidali) le sovrabbondanti energie proprie dell’età giovanile verso impegni e obiettivi utili al bene comune. E Dio sa, e noi tutti sappiamo, quanto ci sia bisogno, e in quanti modi, di prendersi cura dell’Italia e dei vecchi e nuovi italiani...

© Riproduzione riservata

Opinioni

Giorgio Paolucci
La piccola bara bianca è davanti all’altare. La chiesa gremita di gente, in un silenzio attonito e commosso. Uno stuolo di amici si stringe attorno ai genitori di Pietro Maria Adeodato ...
Umberto Folena
Le sorprendenti teorie di un “esperto” contro le limitazioni L’azzardo fa bene, almeno «potenzialmente». Ad esempio favorisce «la socializzazione»
Leonardo Becchetti
L’evento europeo dello scorso fine settimana (l’incontro dei leader europei a Roma per fortuna conclusosi nel migliore dei modi, anche se poi in parte già contraddetto sul tema della gestione ...