giovedì 17 dicembre 2015
Çë thavmasmë isht kjo? Çë edhe nata ditë u bë. të ghzon zemërën dimri shkoi e s’ ishtë më gjithë jeta bën hare ljulje e peme për në dhe Ljeu jashtë e jo në Horë në një shpellë, në një gërromim ljeu në tsin, ljeu në sborë ljidhur klje te një skutin mbet në kashtë e në sanùa si i vapkëth për mua E si ljeu n’ ata malje n’ ata malje ashtu tutsè me ghzim Parraisi u psaljë gazin m’ i madh njeriut i qièlli paqe, gaz, haré yn’ Zot pru në ktë dhe Che portento è mai questo? La notte si è fatta giorno. L’inverno è passato, non tornerà più. Tutto il mondo fa festa spuntano fiori e frutta sulla terra. È nato a cielo aperto e non in città. È nato in una spelonca. Nel gelo e nella neve, avvolto in un panno in mezzo alla paglia ed al fieno povero come me. Nato tra quei monti remoti. Il Paradiso di allegria risuonò. Il Signore portò in questa terra pace, gioia, riso e allegria.Canto tipico della tradizione arbëreshë dell’Italia meridionale, tratto dalle raccolte “siculo-albanesi” di Lionardo Vigo (1805-1888), diffuso nell’area di Piana degli Albanesi (Pa). Conosciuti anche come “albanesi d’Italia”, gli arbëreshë, sono una minoranza etnolinguistica proveniente dall’Albania, stanziata in Italia meridionale ed insulare a partire dal XV secolo, dopo la sottomissione da parte dei turco-ottomani. Questa grande e antica comunità di profughi ha mantenuto nel corso dei secoli un forte legame ideale con la madrepatria conservandone alcuni tratti linguistici e poetici originari. Molti segni di questa antica cultura sono ancora presenti nelle comunità arbëreshë di alcuni paesi del Molise, della Puglia, della Calabria, della Basilicata e della Sicilia che conservano un ricco e variegato repertorio di canti religiosi legati al ciclo delle festività natalizie e pasquali. Il canto Këndime për të ljert’e krishtit, che tradotto significa letteralmente “Ninna nanna che si canta in onore della Natività” è uno dei brani più rappresentativi di questo tipo di repertorio.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: