Il punto. Charlie Hebdo: choc un anno dopo


Alessandro Zaccuri lunedì 4 gennaio 2016
A un anno dall'attentato terroristico contro la propria redazione il settimanale satirico francese esce in edicola proponendo una copertina dai contenuti rozzi e offensivi. (Alessandro Zaccuri)
​Un assassino in fuga per il mondo: non è Salah Abdeslam, l’ancora imprendibile responsabile degli attentati parigini del 13 novembre scorso, ma Dio in persona, con tanto di barba bianca, fucile in spalla e mani sporche di sangue.
È la copertina del numero speciale che il settimanale francese “Charlie Hebdo” manderà in edicola il 6 gennaio, a un anno dalla strage che costò la vita a dodici persone. Disegnata dal direttore Riss (rimasto a sua volta ferito nell’attacco del 7 gennaio 2015), la vignetta dovrebbe confermare il carattere spregiudicato del giornale, che si fa un vanto di non arretrare davanti a nulla, tanto meno davanti alla blasfemia. Che questa sia la posizione di “Charlie Hebdo” è noto da tempo. A stupire è semmai la reiterata rozzezza di una semplificazione che non prevede distinzione alcuna tra fede e fondamentalismo, cadendo a sua volta in un’intransigenza di segno opposto. In questione non c’è soltanto la sensibilità dei credenti, ma il rispetto dovuto a tutte le vittime, comprese quelle che vengono sacrificate a motivo della loro religione. E poi – libertà di espressione per libertà di espressione – non è che quel disegno faccia tanto ridere.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Opinioni

Marco Olivetti
Su Europa, partiti, corpi intermedi e linguaggio politico la distanza tra il Movimento e la realtà cattolica è particolarmente alta
Antonio Maria Mira
L'11 giugno il ritorno al voto dopo quattro anni nel Comune commissariato per mafia

Opinioni

Le nostre voci di Marina Corradi
Il problema è che nascono pochi bambini, non che tanta gente ama i cani. Vedo anziane signore che vezzeggiano un cagnolino come un nipote, e mi sembra triste. Come mai non c’è, quel nipote?
Francesco Riccardi
Il no espresso dai lavoratori al piano di ristrutturazione è un vero e proprio salto nel vuoto dell'incertezza, nel buio di un destino a rischio fallimento
Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa