giovedì 6 aprile 2017
Per chi si recherà al centro trasfusioni del Policlinico un ingresso agevolato ai tesori della Santa Sede. Un modo per sensibilizzare a un gesto di solidarietà che salva vite, garantendo cure adeguate
Gemelli, dona il sangue ed entri (con lo sconto) ai Musei Vaticani

Chi dona il sangue, oltre a fare un'opera di bene, può d'ora in poi anche rigenerarsi con le opere d'arte, accedendo con modalità agevolate ai Musei Vaticani. Grazie a un accordo con il Gemelli, infatti, chi donerà il sangue presso il Servizio di Emotrasfusione del Policlinico riceverà un voucher personale valido per visitare i Musei, senza fare la fila e a una tariffa ridotta di 4 euro, da utilizzare entro il 31 dicembre 2017. La possibilità di saltare la fila è estesa anche a un accompagnatore del donatore.

“Dona il sangue e segui la tua inclinazione artistica” è il titolo dell’iniziativa che il Servizio di Emotrasfusione della Fondazione Policlinico Universitario "A. Gemelli" e il gruppo di donatori del sangue "Francesco Olgiati" Onlus, in collaborazione con l'istituzione culturale della Santa Sede, propongono per incentivare la donazione di sangue: un gesto di solidarietà, un’opera preziosa che contribuisce a divulgare l’importanza e il valore della donazione volontaria e che assicura la qualità, la sicurezza e la disponibilità delle cure mediche.

Il Gemelli distribuisce, infatti, ogni anno oltre 17mila unità di emazie e altri emocomponenti che vengono utilizzati nel trattamento dei pazienti ricoverati presso il Policlinico e che rappresentano una base imprescindibile per gli attuali standard terapeutici. Ma attualmente il sangue raccolto non basta a coprire tutte le necessità dell’ospedale. L’auspicio della professoressa Gina Zini, direttore del Servizio di Emotrasfusione del Gemelli, è che la campagna contribuisca ad aumentarlo, sensibilizzando «a un gesto semplice, sicuro e salvavite come la donazione del sangue. L’obiettivo di noi operatori è di assicurare un’assistenza trasfusionale pronta ed efficace evitando il rallentamento o il blocco delle cure per carenza di sangue». Il direttore generale del Policlinico Gemelli, Enrico Zampedri, sottolinea come sia «davvero bello e suggestivo associare questo dono non riproducibile con un altro dono unico e irripetibile come l'arte. Speriamo che questa iniziativa possa accrescere la sensibilità e l'umanità dei donatori abituali e nuovi». Il presidente della Fondazione, Giovanni Raimondi, spera che l'iniziativa sia «l’avvio di una più ampia collaborazione tra i Musei Vaticani e la Fondazione Policlinico "A. Gemelli" nel segno dell’umanizzazione. Arte e medicina sono unificate nel loro fine più alto che è prendersi cura della persona nella sua integralità». Sangue e arte, infatti, commenta il direttore dei Musei Vaticani, Barbara Jatta, hanno a che fare «immediatamente con la vita di ciascuno di noi». Dunque far dialogare idealmente queste tre «polarità essenziali è una bella sfida alla quale i Musei del Papa non potevano sottrarsi». Simili iniziative, infatti, «rendono una istituzione culturale viva, parte integrante del tessuto sociale, non chiusa nelle sue mura e nella sua idealità, proprio come auspica Papa Francesco».

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: