martedì 29 maggio 2012
​Il presidente Napolitano oggi a Faedis rendendo omaggio ai martiri di Porzûs contribuirà in modo determinante a dissolvere un’antica e inaccettabile omertà politico-ideologica e a ricomporre istituzionalmente la memoria storica della Resistenza in Friuli; memoria andata in pezzi nella faziosità ideologica del dopoguerra. Alle malghe di Porzûs infatti, il 7 febbraio ’45 iniziò il massacro a tradimento dei partigiani della "Osoppo" da parte dei partigiani comunisti, un massacro protrattosi ancora nelle settimane seguenti con crudeltà e cinismo. E che fece vittime tra i personaggi più eroici e più noti della Resistenza friulana: Francesco De Gregori, Gastone Valente, Guido Pasolini, fratello di Pier Paolo (che non riuscì a comporre il conflitto doloroso dei suoi sentimenti personali e politici) e altri coraggiosi ragazzi di varie regioni d’Italia. Storia fin troppo nota, ma impossibile da far circolare nell’epica resistenziale: «Benché mandante di tale eccidio sia stato il comando sloveno del IX Korpus, gli esecutori però, erano gappisti dipendenti anche militarmente dalla Federazione del Pci di Udine». A testimoniarlo, un loro esponente di spicco, Giovanni Padoan, "Vanni", poi protagonista dal 2001 con don Redento Bello, superstite della "Osoppo", di un percorso di pacificazione personale che non ebbe tuttavia seguito politico. Alla "Osoppo", impegnata nella lotta a fascismo e nazismo, veniva imputato di opporsi anche alla violenta penetrazione slavo-comunista, prevista fino al Tagliamento; sulla "Osoppo" piovvero così preventive e false accuse di tradimento, di complicità coi fascisti, con la X Mas di Borghese. Tanto avrebbe continuato a scrivere proprio a don Redento Bello, ancora nel ’76, il comandante comunista responsabile dell’eccidio, Mario Toffanin, "Giacca", rifugiato nella Jugoslavia titina, mai pentito. Toffanin sarebbe stato graziato da Pertini appena eletto al Quirinale; una "grazia" che lasciò stupiti magistrati ed esponenti della stessa cultura di sinistra; ancora nel settembre ’97 L’Espresso ricordando che, oltre la strage di Porzûs, gravavano su "Giacca" sentenze per capi d’imputazione gravissimi come estorsioni, rapine, omicidio senza alcuna motivazione politico-ideologica, non trovava altra spiegazione alla "grazia" che un simbolicamente concreto "grazie" di Pertini al Pci per averlo sostenuto nell’elezione al Quirinale. Toffanin non venne mai meno alla sua violenza ideologica, né mancò di estimatori pronti a rilanciarla ad ogni minimo progresso di pur difficili intenti di pacificazione. Nel febbraio 2005, ad esempio, venne ripubblicata da un collettivo comunista rivoluzionario una sua intervista apparsa già nel ’98 su La verità di Porzûs, la cui introduzione redazionale interpreta la strage degli osovani come «espressione di fatto della contraddizione tra il campo proletario e il campo borghese», e vede la "Osoppo" all’origine d’una linea di sangue e stragi progettata dallo Stato borghese fino a piazza Fontana. Toffanin da par suo non recede dal contesto della violenza di classe (il comando della "Osoppo" era "il comando della borghesia della zona"), considera spie e traditori gli osovani cui quindi attribuisce l’assassinio di alcuni partigiani comunisti, auspicando ancora di riorganizzarsi per la rivoluzione, «avere un partito comunista e anche un esercito, dei combattenti proletari». Frasario sinistramente sperimentato, noto e ancor oggi non desueto.Emblematico di un clima di egemonia ideologica il fatto che, dopo che Pertini poté concedere la grazia a un tal personaggio, a un altro presidente della Repubblica, Francesco Cossiga, non fu consentito rendere omaggio ufficiale, come nelle sue intenzioni, ai partigiani non comunisti trucidati a Porzûs dai partigiani comunisti. Anche questa è una storia nella storia riemersa solo dopo l’annuncio della visita ufficiale del presidente Napolitano in Friuli. Cossiga avrebbe voluto farlo nel febbraio ’92, poco prima di finire il suo mandato presidenziale. Immediate le polemiche: il gesto venne considerato una "provocazione politica" obbligando Cossiga solo ad una personale visita privata. Il relativo carteggio con l’Associazione partigiana Osoppo documenta la persistenza inaccettabile del graffio subìto: ancora il 22 gennaio 2004 Cossiga scriveva infatti al presidente dell’Associazione Osoppo esprimendogli la «piena solidarietà per la dolorosa situazione creatasi in relazione al ricordo dei valorosi vostri compagni e nostri comuni Eroi trucidati da mano fratricida a Malga Porzûs su ordine del IX Corpus Jugoslavo, a motivo delle loro limpide idealità democratiche e patriottiche; e che poi furono oggetto anche di un’infame campagna di calunnie da parte dei dirigenti del Friuli e della Venezia Giulia del Partito Comunista Italiano». Cossiga ricordava quindi di essersi recato «da presidente della Repubblica sul luogo del martirio, rompendo un pavido silenzio omertoso che aveva impedito alle autorità dello Stato di rendere omaggio a questi Eroi». Da presidente della Repubblica sì, ma in visita privata. Il tributo ufficiale al disseppellimento della memoria occultata sotto il macigno del monolite ideologico è ora offerto dal presidente Napolitano; terzo dei capi dello Stato testimoni della difficoltà di sciogliere quegli antichi e drammatici nodi, emblematizzati da lacerti ambigui e ipocriti di memoria marmorea come le lapidi apposte sul muro della tragica malga che ancora nascondono gli assassini e le cause della strage. La nuova, a Faedis, nell’apprezzamento degli "osovani" per la visita del presidente Napolitano, ricorderà almeno quel «sacrificio per la libertà del Friuli e dell’Italia intera».
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: