La trasparenza resta opaca. Il 73% delle richieste di «accesso civico» resta inevaso


Nicoletta Martinelli venerdì 21 aprile 2017

Vi interessa sapere quanto investe il sindaco nelle spese di rappresentanza? E qual è il suo curriculum? O quanto costano i fuochi di artificio per la sagra paesana, che menu prevede la mensa della scuola dove volete iscrivere vostro figlio, quant’è costato il nuovo monumento in piazza? Volete consultare le ispezioni sanitarie nei ristoranti per sapere se nella pizzeria sotto casa sono state riscontrate violazioni delle norme igieniche? Basta chiedere.

Direttamente all’amministrazione pubblica interessata, e senza neppure spiegare perché volete saperlo. E gratis (al massimo possono addebitarvi il costo delle fotocopie, se servono). Pochi lo sanno, ma dal 23 dicembre scorso è in vigore la legge sull’accesso civico che consente agli italiani di ottenere – con pochi limiti – dati o documenti in possesso delle amministrazioni pubbliche. Senza spendere un centesimo e anche in mancanza di un motivo sensato: la curiosità è sufficiente.

Dal canto loro gli uffici comunali o statali sono obbligati a rispondere entro trenta giorni, come prevede un decreto attuativo della riforma Madia della pubblica amministrazione, il numero 97, approvato il 25 maggio dello scorso anno. Un obbligo largamente disatteso: l’Ong “Diritto di sapere” – che si occupa di tutela e promozione del diritto di accesso alle informazioni – ha messo alla prova uffici e funzionari inviando 800 richieste di accesso a numerose amministrazioni pubbliche in tutta Italia. Un monitoraggio che ha coinvolto gli attivisti di diverse organizzazioni – da Legambiente a Trasparency International – nonché giornalisti e cittadini.

Nel 73% dei casi le richieste non hanno ottenuto risposta. Si trattava di domande tra le più varie, dall’utilizzo di fitosanitari in agricoltura alla spesa pubblica per l’accoglienza dei migranti, ai finanziamenti dei centri antiviolenza, alla presenza nell’acqua di sostanze potenzialmente pericolose per la salute.

Il Foia – che sta per Freedom Information Act e che, in Italia, avrebbe anche potuto chiamarsi “atto per la libertà di informazione” – sembrerebbe nato morto. L’ennesima occasione persa. Eppure renderlo efficace ed efficiente sarebbe una spinta e uno stimolo alla partecipazione del cittadino all’attività amministrativa, a familiarizzare con uffici e strutture spesso vissuti come ostili, uno strumento di democrazia e partecipazione civile. A chi serve una trasparenza così opaca?

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Editoriali

Gian Carlo Blangiardo
Dopo averci mostrato la fotografia del panorama demografico italiano per il 2016, l’Istat allarga l’orizzonte delle conoscenze e ci presenta una previsione di quelli che saranno ...
Leonardo Becchetti
I risultati del primo turno delle presidenziali d’Oltralpe hanno fatto gridare molti europeisti al successo e allo scampato pericolo. Ma se in un Paese come la Francia quasi un quarto degli elettori

Opinioni

Le nostre voci di Marina Corradi
Mentre ci si vezzeggia con le ministre e le sindache, si pretende che la materna facoltà di generare diventi neutra? A me pare un passo in più nell’imperativo del cosiddetto “gender” ...
Marco Tarquinio
L’arbitro ha detto basta, e la melina è finita. L’intervento, morbido ma deciso, del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dato ieri lo stop al deludente e sterile ti–tic–ti–toc ...
Marco Olivetti
Su Europa, partiti, corpi intermedi e linguaggio politico la distanza tra il Movimento e la realtà cattolica è particolarmente alta