venerdì 6 marzo 2020
Atene respinge con filo spinato i siriani in fuga che arrivano dalla Turchia. Ankara dà l'ordine di contrastare il respingimento. Le immagini delle botte ai migranti
Spari e violenza al confine tra Turchia e Grecia, è battaglia/ Video
COMMENTA E CONDIVIDI

Come annunciato ieri da Ankara, questa notte sono arrivati i primi uomini del battaglione delle forze speciali turche a cui è stato dato l’ordine di “contrastare” il respingimento di migranti da parte delle forze armate di Atene. Fin dall’alba i militari della mezzaluna hanno attaccato con candelotti stordenti, fumogeni e lacrimogeni il posto di polizia greco e l’intera linea di confine. Immagini girate dai militari di Atene mostrano il fitto lancio dal versante turco.

Lacrimogeni e cortine di fumo alla frontiera di Kastanies fra Turchia e Grecia dove decine di migliaia di profughi premono per entrare in Europa

Lacrimogeni e cortine di fumo alla frontiera di Kastanies fra Turchia e Grecia dove decine di migliaia di profughi premono per entrare in Europa - Credit: Forze Armate Grecia

L’operazione di Ankara, che al momento assume i contorni di un’azione di disturbo, osservata da questa parte del confine sembra come una provocazione a cui per il momento Atene non risponde. Dalle torrette i militari greci sostengono di avere avvistato diversi piccoli droni “con cui i turchi coordinano i lanci e dirigono il tiro”.

I migranti vengono tenuti nella retrovia, in attesa dell’ordine di prendere d’assalto la barriera metallica. “Abbiamo visto - spiega una fonte del governo greco - che dietro alla cortina di fumo i militari turchi consegnano cesoie e frese ai profughi, così che possano aprirsi un varco verso la Grecia”.

Le operazioni turche, scattate alle prime luci dell’alba, presagiscono una serie di azioni analoghe lungo tutti i 212 chilometri di frontiera.

L’esercito greco viene dunque messo sotto pressione, con il crescente rischio di incidenti che possano far precipitare la situazione sul campo tra i due Paesi.

Tensione alla frontiera di Kastanies fra Turchia e Grecia per il respingimento dei profughi che vogliono entrare in Grecia

Tensione alla frontiera di Kastanies fra Turchia e Grecia per il respingimento dei profughi che vogliono entrare in Grecia - Credit: Forze Armate Grecia

Proprio al tramonto, quando la giornata sembrava chiudersi meglio di come era cominciata, senza altri spari né lanci di fumogeni, dal versante turco del confine è ripreso la fitta esplosione di colpi, in un'escalation che fa salire la tensione, rischiando seri incidenti tra due Paesi comunque alleati nella Nato.

Come mostra uno dei video diffusi dalle guardie di confine di Atene, oltre a fumogeni e granate stordenti indirizzati contro i militari greci, sono stati sentite almeno tre scariche di mitra. Nessuno è rimasto colpito ma perfino il militare che stava riprendendo i fumogeni è stato colto di sorpresa lasciando cadere la videocamera.

Video

La Turchia ha allestito una tendopoli per i profughi che vengono spinti fino alla barriera, a dimostrazione di come al momento non vi sia l’intenzione di riaccompagnarli indietro.

Nel corso della giornata sono stati rinvenuti sui terreni a ridosso della barriera metallica diversi candelotti lanciati dal territorio turco. Secondo la polizia greca sono stati lanciati dai “colleghi” turchi dispiegati a Edirne. Alcuni dei proiettili sono stati fotografati, dopo verifiche incrociate svolte anche da “Avvenire”, non ci sono molti disubbidire che si tratti di dotazioni turche.

Un proiettile attribuito ai turchi

Un proiettile attribuito ai turchi - Testimoni sul campo

In uno di questi è chiaramente scritto di “non usare contro le persone” (qui sotto), poiché si tratta di esplodenti contenenti sostanze nocive che dovrebbero essere adoperati solo a distanza per creare cortine fumogene lontane dagli assembramenti. Invece sono stati scagliati all’interno del perimetro del posto di frontiera greco costringendo i militari a indossare per tutto il giorno le maschere antigas.

Un proiettile attribuito ai turchi. Nella scritta: 'Non usare contro le persone'

Un proiettile attribuito ai turchi. Nella scritta: "Non usare contro le persone" - Testimoni sul campo

In un nuovo video diffuso dalle autorità greche, si vedono militari turchi picchiare selvaggiamente alcuni migranti. L’aggressione, secondo le fonti, sarebbe avvenuta a poca distanza dalla barriera tra i due Paesi. Secondo l’Esercito di Atene, le forze speciali di Ankara per tutto il giorno hanno spinto i profughi a continuare a dare l’assalto al posto di frontiera per sfondare le barriere ed entrare in Grecia. Chi si rifiuta o arretra viene spinto di nuovo in avanti.

Video

Sui due lati è attiva una guerra di propaganda che rende sempre più difficile il lavoro dei cronisti. Ai giornalisti è infatti impedito di arrivare a pochi metri dagli scontri, e chi ci prova viene immediatamente riportato indietro dai militari, rendendo più complicata la verifica sul campo delle informazioni.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: