Pensiero unico. «Parla di madri e padri», psicologo va sotto accusa


Luciano Moia giovedì 4 maggio 2017
Procedimento disciplinare a carico dello psicoterapeuta che ha ricordato «la funzione costitutiva» di mamma e papà nei processi di crescita
«Parla di madri e padri», psicologo va sotto accusa

Ha osato parlare della «funzione essenziale e costitutiva di mamma e papà nel processo di crescita ». Un’affermazione che uno psicologo attento alle superiori esigenze del pensiero unico non avrebbe mai dovuto fare. Anche per queste convinzioni Giancarlo Ricci, psicoterapeuta milanese con 40 anni di esperienza sulle spalle, autore di decine di studi specialistici, già giudice presso il Tribunale dei minori di Milano, si è visto piovere addosso un procedimento disciplinare.

E nei prossimi giorni dovrà comparire di fronte al gran consiglio dell’Ordine degli psicologi della Lombardia con la facoltà di essere assistito da un avvocato difensore. Qualcuno, a questo punto, sarà forse tentato di rileggere le prime righe per capire meglio la gravità di quanto sostenuto dallo psicologo. Da quando parlare dell’importanza di mamma e papà per la crescita di un bambino è diventata una colpa? Saremmo tentati di spiegare che l’affermazione è inaccettabile da quando la cosiddetta cultura gender ha avvolto nella spessa coltre dell’ideologia il comune buon senso. Quello secondo cui il concetto di genitori – un uomo e una donna che si vogliono bene e hanno costruito una famiglia – appartiene da sempre alla normalità e alla bellezza della vita. Ma visto che anche di questo è accusato Ricci, di aver cioè sostenuto l’esistenza dell’ideologia gender, non vorremmo finire sullo stesso banco degli imputati. Limitiamoci a registrare i motivi per cui il riferimento a madre e padre appare inaccettabile all’Ordine degli psicologi. L’affermazione «è quantomeno discutibile e risulta discriminatoria – si legge nella segnalazione – non solo nei confronti delle coppie omosessuali e delle famiglie arcobaleno, ma anche nei confronti di quelle famiglie che, per le più diverse ragioni, si ritrovano senza un padre o senza una madre».

Ragionamento davvero esemplare. Il presunto rispetto per le eccezioni – volute o subite – obbliga a cancellare la regola. Anzi, a mettere sotto accusa chi la ricorda. Lo spunto per avviare il procedimento disciplinare è stato offerto da una trasmissione tv sulle unioni civili andata un onda lo scorso anno su Rete 4. In quell’occasione Ricci, discutendo con il leader storico dell’Arcigay, Franco Grillini, e l’ex deputato Vladimir Luxuria, avrebbe anche affermato che l’ideologia gender è «composta da vari assemblaggi relativi a una certa concezione della sessualità secondo cui tutto è permesso, tutto è possibile». Ma anche questo non si può dire. Figurarsi poi quando lo psicologo avrebbe sostenuto che, secondo la stessa ideologia gender «l’omosessualità viene equiparata a una sessualità naturale, all’eterosessualità.

Quando in termini psichici non è affatto così». Apriti cielo! Nella dittatura scientifica codificata dal Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, il cosiddetto Dsm derivante dall’originario titolo dell’edizione Usa, chi devia dal pensiero dominante merita di finire sotto processo. Ma se si può discutere su eterosessualità o omosessualità – di cui la scienza non è ancora arrivata a definire le cause in modo condiviso – appare più difficile contestare la funzione ordinaria di madre e padre. Almeno di questo nel Dsm non c’è traccia. Torna invece proprio su questo punto la segnalazione contro Ricci arrivata all’Ordine degli psicologi. I firmatari ricordano che il collega durante la trasmissione ha parlato anche di famiglia – altro riferimento poco gradito – e addirittura avrebbe fatto riferimento a «giovani che si confrontano con un disagio forte relativo all’identità sessuale ». E, per il pensiero dominante, si tratta di un altro tabù da evitare.

Per chi vi si avventura scatta subito l’accusa di 'terapie riparative'. Che Ricci però non ha mai proposto ai suoi pazienti, come hanno riconosciuto due precedenti procedimenti disciplinari (2009 e 2012). In entrambi i casi l’istruttoria si è conclusa con l’archiviazione. Perché allora questo accanimento? Forse perché – come lo stesso Ricci fa notare nel documento difensivo inviato all’Ordine – i firmatari della segnalazione sono psicologi che fanno parte di associazioni e collaborano a portali web del mondo Lgbt. E quindi per costoro chi, come lo psicologo finito sotto accusa, «si occupa da tempo, a livello teorico e clinico del tema dell’omosessualità egodistonica senza alcuna finalità di 'conversione dell’orientamento sessuale'», rappresenta un elemento di disturbo, un corpo estraneo che pretende di non allinearsi e quindi merita, come auspicano i firmatari della segnalazione, «adeguati provvedimenti disciplinari». Un caso isolato quello di Ricci? Purtroppo no.

Presso i vari ordini regionali degli psicologi sono giacenti una quindicina di procedimenti a carico di altrettanti terapeuti che hanno preteso di discutere il pensiero unico su gender e omosessualità. Il fatto che tanti 'non allineati' siano finiti sotto accusa dimostrerebbe che l’ideologia gender non solo esiste ma opera e, spesso, domina. Con tutte le conseguenze che abbiamo sotto gli occhi.

© Riproduzione riservata