mercoledì 8 giugno 2016
Sarebbe tra gli organizzatori del viaggio dell'ottobre 2013, finito con oltre 360 morti in mare. Avrebbe accumulato milioni, spesi anche per acquistare ville. Video e foto. Vincenzo R. Spagnolo
Estradato il presunto boss della tratta Medhane
COMMENTA E CONDIVIDI
I suoi complici l’avevano soprannominato il Generale, perché "controlla diverse zone". Si vantava di essere un vero boss della tratta di esseri umani dal Nord Africa all'Europa. «Sono forte, come Gheddafi... Ho lavorato bene quest’anno. Ne ho fatti partire 7 mila, forse 8 mila», diceva tronfio in un dialogo intercettato nell’estate del 2014 dagli investigatori della Polizia in un’inchiesta della procura di Palermo sugli sbarchi. Prima operava da Tripoli, poi si era spostato in Sudan, dove si riteneva al sicuro. Ma da ieri sera, Mered Yehdego Medhane, eritreo di 35 anni, si trova in un carcere del nostro Paese, dopo esser stato arrestato proprio nella città sudanese di Khartoum ed estradato rapidamente in Italia, grazie a un’intensa attività di cooperazione giudiziaria e di intelligence. Alcuni ufficiali di polizia della task force sull’immigrazione della National crime agency britannica hanno scovato Medhane in una casa nel quartiere di El Diem a Khartoum. L’arresto, eseguito dalle autorità del Sudan, è stato possibile grazie a una cooperazione giudiziaria internazionale coordinata dalla Procura di Palermo, che nel corso di un’inchiesta (l’operazione “Glauco II”, che nell’aprile 2015 aveva portato a individuare 24 componenti della rete di trafficanti fra il Nordafrica e le coste siciliane) ha emesso il primo fermo di indiziato di delitto nei confronti del presunto boss del traffico di esseri umani.
Dopo l’arresto e il sì all’estradizione delle autorità sudanesi, è stato trasferito in Italia, dove ora si trova in stato di arresto, in attesa del processo per i reati di cui è accusato (a partire dall'associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina) e per i quali è già stata formulata richiesta di rinvio a giudizio. Il cinismo e i milioni del boss «Dicono di me che ne faccio salire sempre troppi sui barconi, ma sono loro che vogliono partire subito e io li accontento...», rideva, cinico, Medhane in un dialogo intercettato dalla procura di Palermo nel 2014.  (LEGGI L'ARTICOLO)Secondo gli inquirenti, diverse indagini "attestano il coordinamento da lui eseguito personalmente con i trafficanti responsabili della "rotta terrestre" africana ed i contatti con i complici operanti in Europa" (in particolare nei Paesi Bassi e in Svezia, dove Medhane ha moglie e un figlio), nonché "gli ingenti profitti derivanti dalla sua attività criminale ed il disprezzo della vita umana dei migranti". Medhane è accusato di aver gestito ininterrottamente dal 2012 migliaia di migranti, organizzando il successivo viaggio verso le coste italiane. La sua banda stipava centinaia di migranti su barconi o gommoni fatiscenti e spesso con i motori malandati, senza preoccuparsi del rischio di eventuali naufragi. La rete di trafficanti aveva intessuto legami fra il Nord Africa e le coste italiane, con basisti nei centri accoglienza di Mineo e Siculiana ma anche a Roma e Milano.
AimjXLafnK8;430;242
Le indagini erano partite dopo la tragedia del 3 ottobre 2013 davanti alle coste di Lampedusa, in cui annegarono 366 migranti. Grazie al business della tratta, Medhane avrebbe accumulato milioni di dollari. Ogni migrante pagava fra i 4mila e i 5mila dollari per l'intero viaggio, diviso in tappe, fra l'Africa subsahariana e il Nord Europa. Con quel denaro, il boss corrompeva poliziotti libici per far uscire dalle prigioni profughi somali, sudanesi o eritrei trattenuti in quel Paese (che poi avrebbero dovuto restituirgli il "favore" con gli interessi), progettava investimenti a Dubai o acquistava proprietà nella terra d'origine, come una villa in Eritrea pagata "13 milioni". Senza preoccuparsi della sorte di chi faceva imbarcare: il 24 agosto 2014, in una telefonata, dice a un complice di aver fatto partire diverse centinaia di migranti. Una settimana dopo, un basista gli fa sapere che "dei 400 migranti partiti, ne sono sopravvissuti solo quattro". Sulle tracce di Ermias C’è un altro presunto boss ancora latitante, al quale il Servizio centrale operativo della Polizia, diretto da Renato Cortese, e le agenzie di intelligence danno la caccia. È Ermias Ghermay, etiope (ricercato dal 2015, quando scattò a suo carico il primo provvedimento restrittivo) e accusato fra l'altro di aver acquistato «talvolta direttamente dai trafficanti veri e propri pacchetti di immigrati per trarne maggiori profitti, anche rendendosi complice di veri e propri sequestri di persona».
© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: