Un piccolo grande passo
mercoledì 6 marzo 2019
«Solo un piccolo passo per un uomo, ma un passo da gigante per l'umanità!». Si avvicina il cinquantenario di uno dei più grandi trionfi umani: lo sbarco sulla Luna. Mentre avveniva compivo diciassette anni: non male come regalo di compleanno. La frase che sarebbe rimasta leggendaria di Neil Armstrong mi commosse, come commosse il mondo, ma confesso che non la compresi bene. La seconda parte chiara: evidente che quel momento siglava un passo enorme per l'umanità, che dalla sua nascita scruta e interroga il nostro satellite notturno, custode e ispiratore del sogno. Ma non comprendevo perché definire "piccolo", per un uomo, quel primo passo sulla nuova terra sognata. Ora credo di avere capito. Per immedesimazione, mettendomi nei panni di Armstrong, come fa un attore. La terra vista dall'alto... E la mia gamba, che piccola cosa! Il mio piedino, dopo questo viaggio nello spazio immenso... Che esserino io sono, qui nell'infinità dell'universo. Il mio passo è piccolo perché io sono piccolo. Ma io non sono solo io, io sono l'umanità. Io sono parte del coro e degli atomi di tutti gli uomini, dal primo apparso sulla terra a tutti quelli che si susseguono, in ogni parte del mondo e in ogni tempo. Il mio piccolo passo è un grande passo dell'umanità, a cui appartengo.
© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI