In Svizzera l'eutanasia non c'è ma si fa. La morte spacciata


Giuseppe Anzani mercoledì 1 marzo 2017

Ci vorrebbe uno svizzero come Erich Fromm, autore del celebre saggio sulla "Anatomia della distruttività umana", per spiegare dal lato psicologico le mistificazioni che in questi giorni risuonano nei commenti sulla tragica fine del giovane Dj Fabo. Sembrano onde concentriche che battono sul tema della morte come scelta, diritto, assistenza, soccorso virtuoso persino; e descrivono la meta svizzera come un approdo accogliente, aperto al desiderio di farla finita «con dignità». Una morte spacciata per libertà. Quasi libero traguardo, legalmente protetto, di una libera eutanasia.La prima falsificata prospettiva è quella di confondere il sistema giuridico elvetico con l’attività di alcune associazioni private che operano in Svizzera; di confondere il diritto svizzero con i margini permissivi che permettono a queste associazioni di passare immuni da sanzioni penali; di immaginare (o lasciar credere) che il suicidio assistito sia una specie di protocollo sanitario regolato e gestito negli ospedali secondo le regole del servizio pubblico nazionale o cantonale.Falso. In Svizzera l’eutanasia è un delitto, punito dall’art. 114 del Codice penale.

È un delitto anche l’istigazione e l’aiuto al suicidio (art. 115). Ma in questo caso la norma aggiunge «per motivi egoistici». E così, se i motivi non sono egoistici, s’interpreta che pena non c’è. L’origine di questa piega normativa pesca fin nell’800, – spiega il professor Bondolfi del Comitato nazionale di bioetica svizzero – per non infierire su chi avesse dato un’arma a un altro per usarla contro se stesso (fosse per delusione d’amore, o per disperazione). La norma, oggettivamente, anche nella sua formulazione attuale, non si collega per nulla a malattie o stadi terminali. Uno potrebbe volere ammazzarsi perché non trova lavoro, e la vita senza lavoro è una tragica sofferenza di dignità ferita (e a volte, purtroppo tragicamente succede). E neppure si occupa, la norma, del modo con cui la morte viene procurata, se morte di veleno o d’altro. Ad occuparsene sono gli intermediatori privati della morte. È falsa l’immagine che la legge svizzera "regoli" con un determinato protocollo positivo l’esercizio del suicidio assistito in ambito pubblicistico. E falsa del pari è l’idea che il suicidio assistito abbia a che fare con il sistema sanitario svizzero. In realtà, chi si occupa di penetrare nella smagliatura dei «motivi non egoistici» dell’art. 115 del Codice penale svizzero sono le associazioni private; sono loro che procurano il medico perché prescriva la ricetta del barbiturico mortale; sono loro che si occupano della logistica; sono loro che organizzano il percorso, con regole e prassi interne, che conduce alla fine.

Sono loro che riscuotono le tariffe. Non è gratis, il cammino; può costare anche 13mila euro.Chi pensa che si dovrebbe adottare anche in Italia il sistema svizzero per evitare il turismo della morte, probabilmente immagina un servizio pubblico, gratuito, on demand, a carico del servizio sanitario nazionale. Al solito, viene così spontaneo esigerlo, se si proclama il diritto di morire in quanto "titolari della propria vita" e si postula che altri abbiano dunque il dovere (ma perché?) di aiutare la morte. Ed è in questo ultimo corto circuito del pensiero che emerge, infine, il quesito supremo della "relazione" che contrassegna la vita umana sul piano sociale e fonda le reciproche istanze, le reciproche attese, l’intrecciata appartenenza degli esseri umani gli uni agli altri, in solidale fraternità.Nessun diritto è per se stesso e basta, nessun diritto si realizza senza che un altro vi si impieghi dando qualcosa di sè, per costruire e non per distruggere, per la speranza e non per l’abbandono. Lo svizzero Erich Fromm, quello della anatomia della distruttività umana, l’ha lasciato scritto chiaro nell’altro suo più celebre saggio: quello sull’"Arte di amare". È in quest’arte, il compimento d’ogni diritto.

© Riproduzione riservata

Editoriali

Ferdinando Camon
Non lo dimenticheremo mai, il piccolo Charlie, e ciò che non si dimentica vale la pena incontrarlo...
Massimiliano Castellani
Cassano possiamo dire tutto e il contrario di tutto, ma resta il fatto che è stato uno dei quattro migliori pensatori con i piedi visti sui nostri campi...

Opinioni

Roberto colombo
«È un momento davvero triste per il piccolo Charlie Gard, per i suoi genitori, per la medicina e per l’umanità intera, eppure non è un giorno senza ulteriore speranza»
Antonella Mariani
Sedici anni, tedesca, persa e forse ritrovata.
Marina Corradi
Un libro sulle tragedie della Prima guerra mondiale impressiona il nostro lettore da far pensare con angoscia a come gli uomini, in qualche angolo del mondo, si affannino sempre per ammazzarsi...