lunedì 13 maggio 2019
Uccisi 4 bambini tra i 6 e i 10 anni e la loro catechista. Dietro l'attacco ci sarebbe un gruppo terroristico ex affiliato di al-Qaeda
Bambini in aula con la loro insegnante nella provincia di Idlib, in una foto del gennaio scorso (LaPresse)

Bambini in aula con la loro insegnante nella provincia di Idlib, in una foto del gennaio scorso (LaPresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

Si continua a morire in Siria, nel silenzio della comunità internazionale. Quattro bimbi cristiani e una catechista sono stati uccisi da missili lanciati sabato dai jihadisti ribelli sul villaggio di Suqaylabiyah, nella provincia di Hama, nel nord-ovest della Siria. Lo riferisce l'Agenzia stampa ufficiale siriana, Sana. La notizia è riportata anche da Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs).

«In Siria il villaggio cristiano di Al-Sekelbiya ieri è stato colpito da un attacco missilistico. Jessica, Bashar, Angy, Suheir (età 6-10 anni) e la catechista M'kashkash sono stati trucidati durante una lezione di catechismo. Altri sei bambini sono stati feriti» twitta Acs. «Agenzie locali - aggiunge - parlano di azione di "gruppi terroristici"».

Fonti ufficiali di Damasco confermano che le quattro vittime avevano tra i i 6 e i 10 anni e che altri sei bimbi sono rimasti feriti.

Stando all'Osservatorio siriano per i diritti umani, vicino ai ribelli anti-governativi, i razzi sono stati sparati dalla vicina provincia di Idlib, controllata dal gruppo terrorista ex affiliato di al-Qaeda, Hayat Tahriral-Sham.

La notizia della strage di bambini è stata confermata da padre Hanna Jallouf, francescano della Custodia di Terra Santa e parroco della chiesa latina di Knaye (nella provincia di Idlib) in un’intervista del Tg2000: "La situazione è precaria a causa dei combattimenti tra l’esercito regolare e i ribelli. Purtroppo tanta gente ha dovuto lasciare la propria casa ed è venuta verso di noi. Vivono sotto gli alberi. Hanno come materasso la terra e come coperta il cielo”.

Video

“L’altro ieri i ribelli – ha aggiunto padre Hanna Jallouf - hanno bombardato la città cristiana di Al-Sekelbiya. Hanno colpito il centro catechistico uccidendo 5 bambini (Acs parla di 4, ndr) e il loro catechista. E ieri è stato celebrato il loro funerale. Tanta gente muore per questa sporca guerra. Speriamo che questo massacro finisca presto”.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: