Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Minori
Pedofilia, è allarme sui social network
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

​Oltre un milione di foto e video segnalati, oltre 125.000 siti denunciati in 12 anni, quasi 10.000 soltanto nell'anno appena concluso. Centinaia di migliaia di bambini coinvolti: dai neonati a ragazzi di 12-13 anni. L'esplosione dei social network e degli archivi cloud, ma anche la faccia oscura del Deep Web: sono alcuni dei dati contenuti nel Report 2015 che l'Associazione Meter di don Fortunato Di Noto presenta oggi a Roma. La pedofilia dunque è esplosa sul web e sui social; su questi ultimi le segnalazioni dello scorso anno sono state 3.414 contro le 180 del 2014. Anche nel 2015 il mercato della pedofilia e pedopornografia online non hanno dunque conosciuto sosta: 9.872 siti segnalati rispetto ai 7.712 dell'anno precedente; sono ben 3.169 protocolli inviati alla Polizia Postale - Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online (Meter e Polizia Postale hanno siglato nel 2008 un protocollo di collaborazione).

Dal 2003 al 2015 Meter ha segnalato 125.365 siti. È l'Europa a detenere il triste primato delle segnalazioni di pedopornografia. Secondo i dati diffusi oggi da Meter, il 51,92% delle segnalazioni (2.655) provenire dal Vecchio Continente; l'Oceania è al secondo posto e al terzo posto si colloca l'Africa. L'Europa si conferma anche nel 2015 il "quartier generale" della 'cultura pedofilà, tutta quella produzione, anche documentale, di propaganda online che vorrebbe giustificare la pedofilia e gli abusi sui minori. Nel Vecchio Continente sono i domini di I livello (la "targa" nazionale del sito, insomma) .ru, ossia quelli russi, ad accaparrarsi la maggior parte delle segnalazioni. Seguono Slovacchia e Repubblica Ceca. L'Italia è al nono posto.
 
"I pedofili stanno gradualmente spostando il loro commercio e i loro traffici sul Deep Web - denuncia ancora Meter - e in particolare gli archivi che si possono nascondere in questa parte". Nel 2015 Meter ha seguito 73 casi (erano 66 nel 2014) e fornito 928 consulenze telefoniche (729 l'anno precedente). Dal 2002 al 2015 i casi seguiti sono stati 1.126. La maggioranza dei casi seguiti (53 su 73) provengono dalla Sicilia (per la presenza di Meter in diverse città nel territorio siciliano), 6 dal Lazio, 3 dalla Calabria, 2 dalla Liguria, 1 a testa da Puglia, Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Abruzzo. Tema dei casi: difficoltà familiari (23), abuso sessuale (18), difficoltà relazionali (7), ansia e pericoli della Rete (5).   

Per don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter, "se la legge ci impedisce di mostrare la sofferenza dei piccoli e dei deboli, tacere ci renderebbe colpevoli di connivenza. Questo noi non lo possiamo permettere. Online c'è chi offre questo ed altro e spesso resta impunito. Lo resta perché le leggi non sono uniformi, perché la giustizia di certe nazioni è poco incisiva, perché manca la cultura adeguata per la lotta alla pedofilia". Infine accusa: "Non riusciamo a comprendere quale sia la ragione del silenzio, che è diventato quasi connivente e compiacente, di fronte agli abusi sessuali su bambini piccolissimi, anche da chi è preposto alla tutela e alla garanzia dei diritti dell'infanzia".
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza