Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
 
Tra i profughi del Cara: «Grazie Francesco, sei la nostra gioia»
Pino Ciociola, testo e video
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

Agitati. Eccitati. Intimoriti. Le ragazze e i ragazzi richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, scelti per la lavanda dei piedi di Papa Francesco faticano un bel po’ a tenere a bada la loro emozione. “Ringrazierò Papa Francesco perché prova a dare la pace a tutto il mondo – spiega Khurram Shahzad, pakistano, musulmano -. E vorrei ringraziarlo per venire qui, una persona grandissima che viene per noi, persone piccole”.

Ed è “molto contenta” anche Luchia Mesfun, eritrea, madre da cinque mesi di una piccolina: “Gli apostoli erano dodici maschi – dice – ma il Papa viene a fare la lavanda dei piedi anche a noi donne e una di queste sono io... Non ho le parole adatte a esprimere la mia felicità”. Sira Madigata è del Mali e per lui “non è solo incontrare Papa Francesco, ma mi laverà i piedi. Questo, davvero, mi ha lasciato senza parole”. Cosa si aspetta? “Tantissima gioia, e allegria. Lo ringrazierò per tutto quello che ha fatto per noi”.
eHxuGsIl4cY;430;242

In realtà anche Angelo Chiorazzo, fondatore della cooperativa Auxilium (che gestisce il Cara di Castelnuovo di Porto) fatica parecchio a stare nella pelle: “Credo, se riuscirò a… parlare, che gli dirò solo grazie, non ci sono altre parole”. Hanno saputo una settimana fa che Francesco sarebbe venuto qui a celebrare la Messa in coena domini. “Chi fa questo lavoro sa quante difficoltà ci sono… Questo è davvero un regalo incredibile, impensabile”, va avanti Chiorazzo: “Per me è una carezza di Dio”.

Angela Ferri è un’operatrice Auxilium. Per lei la gioia è particolare e probabilmente ancora più profonda… “Papa Francesco soprattutto in questo momento è una delle figure più importanti della mia vita, ho perso mia mamma da venti giorni e lui per me adesso è la mia gioia e la mia forza”. Glielo dirai? “Sì. Sarà la prima cosa”.

Poche ore prima dell’arrivo, al Cara si mettono a posto gli ultimi dettagli. Hanno già radunato i regali che Francesco ha fatto arrivare: duecento uova pasquali, magliette per giocare a pallone e palloni, una scacchiera e sue immaginette, che «molti ragazzi hanno già attaccato alla porta delle loro stanze", fa sapere Chiorazzo. molti ragazzi hanno già attaccato alla porta delle loro stane”, fa sapere Chiorazzo. “Dopo tutto il viaggio fatto e tutta la fatica per arrivare - sussurra Lucia Yrgalem, eritrea -, trovarci con Papa Francesco per la lavanda dei piedi, nemmeno l’avevamo mai sognato”.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza