Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Zorneding, Germania
Baviera, minacce razziste contro il prete africano
Ilaria Solaini
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
Don Olivier Ndjimbi-Tshiende foto: di Christian Endt (Sueddeutsche.de)

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​
Negro”, “Vattene ad Auschwitz”. Sono questi gli insulti xenofobi rivolti a don Olivier Ndjimbi-Tshiende, 66 anni, originario del Congo, che domenica 6 marzo ha annunciato le sue dimissioni da parroco di San Martino a Zorneding, paese di 8.500 abitanti nella Baviera meridionale (Germania).

Come riportato dal Sir, è dallo scorso autunno che il sacerdote con cittadinanza tedesca aveva iniziato a ricevere ripetuti insulti razzisti minacce di morte attraverso lettere anonime, su cui si è aperta un'indagine della polizia locale.

In una nota ufficiale dell’arcidiocesi di Monaco-Frisinga in cui è incardinato il parroco, che esprime “profondo dolore per questa decisione”, “condivisione e vicinanza” al sacerdote.

Anche Famiglia Cristiana ha aggiunto dettagli alla vicenda, spiegando che le minacce nei confronti del parroco sono cominciate lo scorso ottobre, quando don Olivier aveva contestato un documento della Csu (il ramo bavarese della Cdu, il partito cristiano democratico della cancelliera Angela Merkel) in cui si deplorava “l'invasione” dei migranti in Baviera. Johann Haindl, uno dei firmatari del testo contro gli immigrati, dirigente locale della Csu, aveva replicato al parroco dandogli del “negro”. In seguito Haindl è stato espulso dal partito, ma il clima per don Olivier è rimasto pesante, con accuse e minacce di morte. Ed è così arrivata la decisione di lasciare il proprio servizio di parroco a San Martino a Zorneding.


Mentre la polizia di Zorneding sta indagando sull'origine e il mandatorio delle minacce di morte ricevute da don Olivier, il ministro presidente della Baviera e leader della Csu, Horst Seehofer ha condannato gli insulti xenofobi: "Tolleranza zero verso questi episodi razzisti".

Nella cittadina bavarese, sempre secondo il “Süddeutsche Zeitung”, da alcuni mesi si sono registrati numerosi “comportamenti di estremismo radicale, segnalati anche alle autorità pubbliche”.

Sul sito della parrocchia di San Martino a Zorneding si legge: “Siamo scioccati e rattristati per queste minacce”. Tutti sono stati invitati a firmare una petizione - che ha già raccolto 65mila firme - perché “il nostro parroco deve rimanere a Zorneding”.

Questa sera, 9 marzo, è prevista una manifestazione anti-razzista nella cittadina della Baviera e una fiaccolata a cui parteciperanno sia cattolici sia protestanti, in segno di solidarietà verso don Olivier Ndjimbi-Tshiende.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza