Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Viaggio in Messico
Il Papa insieme ai bambini dell’ospedale pediatrico
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​
All'ingresso nel reparto onco-ematologico, in cui si è intrattenuto in forma privata con i piccoli degenti, il Papa ha suonato anche la piccola campanella, che nella tradizione dell'ospedale pediatrico "Federico Gomez" di Città del Messico, i giovani malati di cancro che guariscono e vengono dimessi fanno squillare in segno di incoraggiamento verso gli altri piccoli pazienti: "ce la potete fare", è l'augurio implicito. Ed è quello che ha voluto intendere il Pontefice nella commovente visita all'ospedale infantile, il più importante della città, con 212 posti letto distribuiti fra 30 specialità mediche e chirurgiche.
papa5LapresseFo_49858730.jpg
Bergoglio vi è stato accolto dalla "primera dama" Angelica Rivera, moglie del presidente messicano Enrique Pena Nieto, dal ministro della Salute, dai dirigenti e dal personale della struttura. Quindi ha incontrato i piccoli assistiti nell'auditorium, con le famiglie. "Da un lato - ha detto -, attraversare quella porta e vedere i vostri occhi, i vostri sorrisi, i vostri volti ha suscitato il desiderio di rendere grazie. Grazie per l'affetto che avete nell'accogliermi; grazie perché vedo l'affetto con cui siete curati e accompagnati".
papa1LapresseFo_49858846.jpg
"Grazie - ha proseguito - per lo sforzo di tanti che stanno facendo del loro meglio perché possiate riprendervi presto. È così importante sentirsi curati e accompagnati, sentirsi amati e sapere che state cercando il modo migliore di curarci; per tutte queste persone dico: grazie". "E nello stesso tempo, desidero benedirvi - ha aggiunto -. Voglio chiedere a Dio che vi benedica, accompagni voi e i vostri familiari, tutte le persone che lavorano in questa casa e fanno in modo che quei sorrisi continuino a crescere ogni giorno. A tutte le persone che non solo con medicinali, bensì con la 'affettoterapià aiutano perché questo tempo sia vissuto con più gioia". "Questa cosa è così importante - ha concluso - l'affettoterapia: qualche volta una carezza aiuta molto a riprendersi".
papa2LapresseFo_49858770.jpg
"Che tenerezza!", ha esclamato il Pontefice al termine del suo discorso, abbracciando una piccola malata. Sempre con la "primera dama" Angelica Rivera al fianco, in un'atmosfera sorridente, ma anche di grande commozione, specie tra i genitori, il Papa ha salutato uno ad uno i piccoli pazienti, carezzandoli e baciandoli, scambiando abbracci, ricevendo da loro disegni e altri piccoli doni, dicendo loro parole di conforto e incoraggiamento. "Ti nomino custode del mio rosario", ha detto a uno di essi. Quindi ha fatto visita ai piccoli malati oncologici, a uno dei quali, Rodrigo, di cinque anni, ha dato personalmente la medicina.
papa3LapresseFo_49858762.jpg
Nel reparto oncologico dell'ospedale ci sono 38 bambini, anche sottoposti a chemioterapia, alcuni in attesa di trapianto. Una ragazza, al passaggio del Papa, gli ha intonato l'Ave Maria di Schubert, aumentando la commozione dei presenti, compresa la moglie del capo dello Stato, che non ha più trattenuto le lacrime.

corradi375Screenshot 2016-02-15 17.14.50.jpg
>> IL DOLORE INNOCENTE (GUARDA IL VIDEO) di Marina Corradi
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza