"Primo piano"? Stavolta sottoscala
venerdì 4 gennaio 2008
Conferme e delusioni. Mercoledì sera, "Primo Piano" del Tg3, Maurizio Mannoni con Giuliano Ferrara e Marco Pannella sulla «moratoria per l'aborto» accanto alla moratoria mondiale per la pena di morte. Una proposta " dice Ferrara " tutta laica, per ripensare il problema ed uscirne in avanti, p. es. realizzando quelle parti della legge che, nero su bianco da 29 anni, sono «per la tutela della maternità» e «la prevenzione dell'aborto», mai prese sul serio" Apriti cielo! Fulmini, scomuniche radicali e improperi «ri-proletari»: servo dei preti, provocatore antidonne, negatore della coscienza laica! Dove le conferme? Nell'eterno Pannella, che si sbraccia a rivendicare i suoi meriti antichi sulla 194, ricorda la «vittoria del referendum del 1981», afferma che «le mamme e le nonne compresero allora per prime» i meriti di lui e dei suoi e infine sicuro arruola, contro questa Chiesa retrograda e oscurantista «di Benedetto XVI e del cardinale Ruini», persino «Giovanni XXIII e Giovanni Paolo I». Testuale! Conferma anche da Ferrara, pur investito direttamente da Pannella e un po' anche da Mannoni: tranquillo, propositivo, marmoreo nella sua proposta «razionale» e tutta «laica», che chiede responsabilità e riconoscimento del problema aperto per la coscienza di tutti. Chi delude? Il mio vecchio amico Mannoni, non equidistante purtroppo. Possibile che non abbia ricordato che Pannella e i suoi dissero peste e corna della 194, e nel referendum del 1981 proposero la sua cancellazione totale uscendone sconfitti " anche col voto di «mamme e nonne» " con l'89% dei voti contrari? Un "Primo piano""molto sottoscala!
© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI