Famiglie di titoli sulla crisi tra «ma», metafore e attese
giovedì 21 gennaio 2021
Sarà vero che i quotidiani sono tutti uguali, come sibilano alcuni? La giornata di ieri si presta ottimamente a una verifica. Ecco le prime pagine e il primo confronto. “Corriere della sera”: «Fiducia a Conte ma con 156 voti»; “Stampa”: «Conte si salva, ma non governa». I due “ma” sono ben più di una piccola congiunzione avversativa, a dimostrazione che nella lingua italiana il più piccolo può ribaltare la sorte di frasi lunghe e grosse. Altra famiglia di titoli. “Giorno”: «Il Conte dimezzato»: “Repubblica”: «Un governo piccolo piccolo». In effetti, se è dimezzato sarà pure piccino picciò. Così ridotto, procede lemme lemme. “Messaggero”: «Governo a trazione ridotta».
Fin qui potrebbe anche sembrar vero: titoli molto simili che assieme alla notizia ne racchiudono la chiave di lettura. Ma allargando il gioco sulle ali, bum! “Libero” ha una prima in tre atti da citare per intero. Il titolo crea un'immagine che strappa ghigni e applausi ai tifosi: «Una crisi del cavolo», e che siano cavoli nostri, e amari, pazienza. Occhiello con metafora ippica: «Conte perde una staffa ma resta in sella». Catenaccio apocalittico: «Per il governo è l'inizio della fine». Ma quale inizio? Per il “Giornale” siamo ben oltre: «Caporetto Conte». Una disfatta, una rotta. Eppure c'è chi guarda ancora oltre, fino alla linea del Piave. “Fatto quotidiano”: «Più lo butti giù e più si tira su».
Allora, sono tutti uguali? Non solo sono diversi, ma abbondano di raffinati rimandi letterari. «Io sono vivo e voi siete morti» è la frase più famosa dell'alluvionale Philiph K. Dick, tratta dall'iconico “Ubik” (1968). Ieri sul “Corriere” gli faceva eco l'intervista di Giuseppe Alberto Falci al senatore Andrea Causin, di Scelta civica, che ha votato la fiducia al governo: «Per fortuna – sentenzia il dickiano Causin – i partiti sono morti e io sono vivo». Incalza Falci, che non deve aver capito di essere dentro un incubo al cubo stile “Ubik”: «E ora farà il tifo per il partito di Conte?». Forse farà il tifo per chi si dimostrerà vivo: persone e partiti. E non solo lui.
© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: