martedì 7 novembre 2017
È meno lontano di quanto si creda. L'altro mondo è a portata di volo, anzi di crisi. Un mondo umanitario fatto su misura, più o meno come i prêt-à-porter dei negozi alla buona che si trovano nei quartieri della città. Le guerre e il terrorismo in prima battuta, col noto corteo di rifugiati e profughi, sfollati e coloro che si spostano all'interno stesso del Paese (acronimo in inglese Idp, Internally Displaced People). Ognuno è oggetto di classifica, contato, categorizzato, assistito e soprattutto controllato. Ridotto a un dossier, un numero, un luogo e un'amministrazione. Le sedi delle Ong si delocalizzano a seconda delle circostanze, cambiano di sigla, di colore, di area di parcheggio protetto, di progetto a seconda delle necessità e soprattutto dei fondi. Cambiano anche i volontari e si fermano quanto basta per metterci una pezza e poi sperare che accada qualcosa di nuovo. Le alluvioni, le carestie, le migrazioni, le frontiere che si spostano a seconda dei venti, il consolidamento della pace, la gestione della "bomba"demografica, la violenza contro le donne e i matrimoni precoci. Questo e molto altro rendono il mondo umanitario sostenibile e soprattutto redditizio.
Provare per credere. Un mondo altro con tanto di riduzione se comprato all'ingrosso. La politica ha da tempo precettato l'umanitario. Ciò per continuare l'opera di demolizione e di spoliazione dei piani di distruzione strutturale della Banca Mondiale e il Fondo Monetario che di Internazionale ha solo il nome. Gli accordi sono commerciali e le pesche di beneficenza si creano per mandare i figli a scuola. Nascono le adozioni a distanza con le foto ricordo e gli auguri di capodanno. Nel Paese si organizzano (e) lezioni mirate a scongiurare le malattie perché di ospedale si muore spesso. Formazioni professionali per coloro che vorrebbe imparare il mestiere di vivere e viaggi all'estero per i ricercatori universitari. I figli dei potenti, intanto, frequentano le scuole straniere pensate per imbrogliare il potere. In parte grazie alle Ong che diluiscono l'antagonismo di classe e banalizzano l'abisso delle ingiustizie sociali. Non casualmente le guerre diventano umanitarie e le Ong aiutano gli Stati a ridurre le violenze e a curare le ferite da essi provocate.
Prendiamo ad esempio il controllo dei migranti. Le frontiere esterne dell'Europa, i soldi investiti per falsamente ridurre il numero degli irregolari che attraversano i confini. Si tratta in realtà di un'arma di distrazione di massa, come ben ricorda l'amico Turi Palidda. L'emergenza migrazioni è funzionale al sistema neoliberale che ha bisogno di manodopera "docile" per continuare a funzionare. Ed è a questo punto che l'orda si presenta. C'è un altro mondo molto umanitario che difende i diritti umani dei migranti post- mortem, denuncia chi lo finanzia (l'Europa e affini) e intanto spera che quanto denunciato possa continuare. Contribuisce a controllare le frontiere, a finanziare posti di controllo poliziesco e, come l'Oim (la benemerita Organizzazione internazionale delle migrazioni), poi si fregia di salvare i migranti nel deserto. Questo è il tipico doppio gioco che l'altro mondo umanitario contribuisce, impunemente, a creare. A ognuno il suo, diceva la definizione canonica della giustizia. Quelle organizzazioni hanno scelto la parte migliore, che un giorno sarà loro tolta per darla agli aventi diritto, i poveri, gli unici col diritto di trasformare il mondo.
Venite a vedere per credere. Un giro in città a Niamey, per le feste comandate e quelle da venire. Andate nei luoghi dove più patente appare l'emergenza umanitaria. Pannelli a non finire piazzati nei punti più strategici alla vista degli assistiti e soprattutto dei donatori. C'è un altro mondo umanitario che è riuscito con successo a trasformare il dolore in spettacolo retribuito.
Niamey, novembre 2017
© Riproduzione riservata