domenica 19 marzo 2017

Ad Acireale la riflessione sul fenomeno mafioso passa attraverso i fumetti. In occasione, infatti, della XXII Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia, nell'antisala consiliare del palazzo di città di Acireale, è stata inaugurata la mostra "La mafia raccontata ai ragazzi" di Lelio Bonaccorso e Marco Rizzo. Per l'occasione, è stato presente anche Lelio Bonaccorso, fumettista, illustratore e insegnante. L'iniziativa viene promossa da Etna Comics insieme al Comune di Acireale.
La mostra, in particolare, espone tavole e stampe che propongono una panoramica della produzione artistica di Lelio Bonaccorso, disegnatore messinese, che ha saputo tradurre in immagini temi drammatici, purtroppo, sempre attuali: la mafia e le nuove mafie dell'immigrazione. Bonaccorso collabora spesso con Marco Rizzo, sceneggiatore trapanese, e ha dato vita a graphic novel come «Peppino Impastato - un giullare contro la mafia» e «Chi si ricorda di Nino Agostino?», oltre a libri illustrati come «La mafia spiegata ai bambini» e «L'immigrazione spiegata ai bambini».
La mostra sarà aperta tutti i giorni sino al 3 aprile, la mattina dalle ore 9,30 alle 12,30 e il pomeriggio dalle ore 16,30 alle 19,30. In contemporanea all'inaugurazione della mostra, Libera - Presidio delle Aci "Pier Antonio Sandri" insieme al Comune di Acireale hanno organizzato in piazza Duomo attività per bambini, anche questa una preziosa occasione di riflessione in memoria delle vittime della mafia.

© Riproduzione riservata