La nuova versione del Libro della giungla sempre avventurosa, ma che paura!


Emanuela Genovese lunedì 18 aprile 2016
Dimenticate le atmosfere luminose del cartone animato. Strepitosi gli effetti 3D
È arrivato nei cinema  Il Libro della giungla, versione live action (cioè con attori in carne e ossa), fedele nei contenuti al precedente cartoon ma più emozionante e un po' più spaventoso, come era l’universo letterario creato da Rudyard Kipling, il romanziere inglese nato a Bombay. E lì, nelle immense e lussureggianti foreste indiane, il film di Jon Favreau, con i suoi animali protagonisti, prende corpo: protagonista è il dodicenne di origini indiane Neel Sethi. Dimenticatevi i toni luminosi, freschi e pieni di calore del primo cartoon che nel 2017 compirà ben 50 anni. La nuova versione de Il libro della Giungla è piena di azione, di suspence e di paura che ci fa entrare davvero in quella giungla dove i lupi hanno cresciuto Mowgli, il cucciolo di uomo trovato da Bagheera, la rigida pantera dal pelo lungo e nero. Durante la tregua dell’acqua - quando predatori e prede non si fanno la guerra, ma bevono dalla stessa sorgente presso la rupe della pace - arriva Shere Khan, la tigre crudele che sul viso porta le cicatrici inferte dal fuoco che il padre di Mowgli, prima di morire, ha provocato. La vendetta non ha limite per questa tigre e Mowgli si vede costretto a lasciare il suo branco e i suoi lupetti per ritornare nel villaggio degli uomini, in quel posto che, per lui, casa non è. In questo viaggio Mowgli incontrerà il pitone Kaa, che con la sua voce suadente e il suo corpo avvolgente, prova a mangiarlo, trascorrerà il tempo con lo spensierato Baloo, ideando metodi innovativi per la raccolta del miele, e saprà come salvare il piccolo elefante intrappolato in una buca. Il ragazzo sarà catturato da un esercito di scimmie di tutti i tipi che ubbidiscono all’enorme sovrano King Louie: lui, un dittatore più che un re, vuole essere ancora più potente e vorrebbe usare il fuoco per diventarlo.  Il libro della giungla da domani riempirà 700 cinema: il 3D e la scelta del live action rendono questo film più adatto ai bambini di età scolare".
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: