giovedì 14 settembre 2017
Francesco ha ripreso stamani la Messa a Santa Marta, dopo la pausa estiva. Due tentazioni spirituali davanti alla Croce: quella di pensare un Cristo senza croce e quella pensare una croce senza Cristo
Papa: Mistero d'amore della Croce, no a «masochismo» spirituale

Papa Francesco ha ripreso stamani la Messa a Santa Marta, dopo la pausa estiva. Nella festa dell’Esaltazione della Croce, il Papa nell’omelia mette in guardia dalle due tentazioni spirituali davanti alla Croce di Cristo: quella di pensare un Cristo senza croce, cioè di farne “un maestro spirituale” e, dall’altra parte, quella di pensare una croce senza Cristo, cioè essere senza speranza in un una specie di “masochismo" spirituale. (Debora Donnini - Radio Vaticana)

Il cuore della riflessione del Papa è stato il “mistero d’amore”, costituito dalla Croce. La Liturgia ne parla come di un albero, nobile e fedele. Francesco evidenzia che non è sempre facile capire la croce. “Soltanto con la contemplazione si va avanti in questo mistero d’amore”, afferma. E Gesù quando vuole spiegarlo a Nicodemo, come ricorda il Vangelo odierno, usa due verbi “salire” e “scendere”: “Gesù sceso dal Cielo per portare tutti noi a salire in Cielo”. “Questo – ribadisce il Papa – è il mistero della croce”. Nella Prima Lettura per spiegarlo San Paolo dice, infatti, che Gesù “umiliò se stesso”, facendosi obbediente fino alla morte di croce: “Questa è la discesa di Gesù: fino al basso, all’umiliazione, svuotò se stesso per amore, e per questo Dio lo esaltò e lo ha fatto salire. Soltanto se noi riusciamo a capire questa discesa fino alla fine possiamo capire la salvezza che ci offre questo mistero d’amore”.

Non è facile però, nota Francesco, perché sempre ci sono tentazioni di considerare una metà e non l’altra. Tanto è vero che San Paolo disse una parola forte ai Galati “quando hanno ceduto alla tentazione di non entrare nel mistero d’amore ma di spiegarlo”. Come il serpente aveva incantato Eva e nel deserto aveva avvelenato gli israeliti, così sono stati incantati “da un’illusione di un Cristo senza croce o di una croce senza Cristo”. “Queste sono le due tentazioni” su cui si sofferma Papa Francesco. La prima è, quindi, quella di un Cristo senza croce, cioè di farne “un maestro spirituale”, che ti porta avanti tranquillo: “Un Cristo senza croce che non è il Signore: è un maestro, niente di più. È quello che, senza saperlo, forse cercava Nicodemo. È una delle tentazioni. Sì, Gesù che buono il maestro, ma … senza croce, Gesù. Chi vi ha incantato con questa immagine? La rabbia di Paolo. Presentato Gesù Cristo ma non crocifisso. L’altra tentazione è la croce senza Cristo, l’angoscia di rimanere giù, abbassati, col peso del peccato, senza speranza. È una specie di "masochismo" spirituale. Solo la croce, ma senza speranza, senza Cristo”.


La croce senza Cristo sarebbe, però, “un mistero di tragedia”, dice, come le tragedie pagane: “Ma, la croce è un mistero d’amore, la croce è fedele, la croce è nobile. Oggi possiamo prendere qualche minuto e ognuno farsi la domanda: il Cristo crocifisso, per me è mistero d’amore? Io seguo Gesù senza croce, un maestro spirituale che riempie di consolazione, di consigli buoni? Seguo la croce senza Gesù, sempre lamentandomi, con questo "masochismo" dello spirito? Mi lascio portare da questo mistero dell’abbassamento, svuotamento totale e innalzamento del Signore?”.


E il Papa conclude auspicando che il Signore dia la grazia “non dico di capire, ma di entrare” in questo mistero d’amore: “poi col cuore, con la mente, con il corpo, con tutto, capiremo qualcosa”.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: