500 anni da Lutero. Il Papa in Svezia. «Andiamo insieme incontro agli scartati»


lunedì 31 ottobre 2016
In aereo si è raccomandato ai giornalisti: «È importante che la gente capisca bene». Previsti quattro interventi
Un momento della preghiera ecumenica comune nella cattedrale luterana di Lund (Osservatore Romano/Lapresse)

Un momento della preghiera ecumenica comune nella cattedrale luterana di Lund (Osservatore Romano/Lapresse)

ore 18 L’esito di questa giornata si può siglare con le parole pronunciate all’arena svedese di Malmö dal vescovo di origini palestinesi Munib Younan, presidente della Lutheran World Federation, e con la firma in calce dell’ecumenismo pratico della carità: l’impegno a condividere le opere di misericordia. In sintonia con quanto espresso dal Papa perché «insieme dobbiamo pregare, insieme aiutare. La carità verso il prossimo. Questo è ecumenismo. Questa è già unità».

Così dopo la preghiera comune e al termine dell’incontro ecumenico nel quale il vescovo luterano Younan e Papa Francesco hanno ascoltato le diverse testimonianze provenienti da diversi contesti di conflitto e di povertà nel mondo, la Caritas internationalis e la World Service LWF – che orienta in particolare i suoi aiuti ai rifugiati – hanno sottoscritto ufficialmente un’accordo di collaborazione che vincola il loro impegno di lavoro comune al servizio solidale del prossimo. Riconoscendosi uniti nella fede in Cristo e nella missione di diffondere il Vangelo, diventa quindi parte essenziale di questa commemorazione rivolgere lo sguardo verso il futuro attraverso le realtà di povertà e emarginazione, per una più stretta testimonianza cristiana comune nel mondo di oggi.


ore 17.30 Papa Francesco è nella Malmoe Arena, per la seconda tappa ecumenica della sua commemorazione comune con i luterani del 500° anniversario della Riforma di Martin Lutero. Con il Pontefice, il vescovo Yunan e il reverendo Martin Junge segretario generale della Lwf, presente anche il cardinale Kurt Koch presidente del Pontificio Consiglio per l'unità dei cristiani.

ore 16 «Possiamo lavorare insieme per difendere la dignità umana e i diritti, specialmente quelli dei poveri, lavorare per la giustizia e rifiutare ogni forma di violenza». È quanto si legge nella dichiarazione comune firmata nella cattedrale di Lund, in Svezia, da Papa Francesco e dal presidente della Lutheran world federation, il vescovo Munib Younan.

La firma della dichiarazione congiunta (Lapresse)

La firma della dichiarazione congiunta (Lapresse)


«Oggi in particolare - prosegue la dichiarazione - lanciamo un appello per la fine delle violenze e degli estremismi che affliggono tanti Paesi, comunità e innumerevoli fratelli e sorelle cristiani. Esortiamo luterani e cattolici a lavorare insieme per accogliere gli stranieri, aiutare quanti sono costretti a fuggire per guerre e persecuzioni, e a difendere i diritti dei rifugiati e dei richiedenti asilo».
Papa Francesco nella cattedrale di Lund (Lapresse)

Papa Francesco nella cattedrale di Lund (Lapresse)


ore 15 Papa Francesco insieme al Primate luterano donna della Chiesa di Svezia, Antje Jackelen, al vescovo cattolico di Stoccolma Ander Arborelius, e ai rappresentanti della Lutheran World Federation è entrato in processione verso l’altare della granitica cattedrale medievale dell’antica diocesi di Lund, nel sud della Scandinavia. Al termine delle preghiere, dopo il sermone del reverendo Martin Junge, segretario generale della Federazione luterana, Papa Francesco ha pronunciato la sua omelia. Sono di riconciliazione, gratitudine, pentimento e speranza le sue parole. «In questo incontro di preghiera, qui a Lund, vogliamo manifestare il nostro comune desiderio di rimanere uniti a lui per avere la vita. È anche un momento per rendere grazie a Dio – ha detto il Papa – per l’impegno di tanti nostri fratelli, di diverse comunità ecclesiali, che non si sono rassegnati alla divisione, ma che hanno mantenuto viva la speranza della riconciliazione tra tutti coloro che credono nell’unico Signore».

>> Il Papa alla preghiera ecumenica nella cattedrale di Lund per il dono dell’unità di Stefania Falasca
Papa Francesco con i reali di Svezia (Lapresse)

Papa Francesco con i reali di Svezia (Lapresse)


14.30 Dopo l'incontro privato con i reali, durato circa 20 minuti, Francesco attraversa a piedi il parco che dal Palazzo reale di Lund conduce alla cattedrale. Lungo il tragitto si ferma a stringere le mani alle persone che si sono raccolte nel parco per salutarlo.
Papa Francesco con i reali di Svezia (Lapresse)

Papa Francesco con i reali di Svezia (Lapresse)


14 Francesco è arrivato al Palazzo reale di Lund per una visita di cortesia al re Carl XVI Gustav e alla regina Silvia. Una piccola folla, soprattutto di ragazzi, lo ha accolto gridando: "Esta es la juventud del Papa" ("questa è la gioventù del Papa").

Il Pontefice, affiancato dal cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, è stato accolto all'aeroporto di Malmo, dal primo ministro Stefan Loefven, e dalla ministra della Cultura, Alice Bah Kuhnke. La ministra, afro-svedese, è membro del Sinodo luterani di Svezia. Erano inoltre presenti alcuni membri della Federazione Luterana Mondiale.

Francesco con il premier svedese Lofven all'aeroporto di Malmo (Ansa web)

Francesco con il premier svedese Lofven all'aeroporto di Malmo (Ansa web)

In volo
In volo verso la Svezia il Papa si è raccomandato ai giornalisti: «Questo viaggio è importante perché è un viaggio ecclesiale, molto ecclesiale nel campo dell'ecumenismo. Il vostro lavoro aiuterà tanto a capire, che la gente capisca bene. Grazie tante".

Papa Francesco accolto all'aeroporto di Malmo, Svezia (Ansa web)

Papa Francesco accolto all'aeroporto di Malmo, Svezia (Ansa web)


8.20 Papa Francesco è partito dall'aeroporto romano di Fiumicino, per il suo 17mo viaggio internazionale del pontificato che lo porta in Svezia: è stato invitato dalla Federazione Luterana Mondiale (Lwf) a partecipare alla cerimonia di commemorazione dei 500 anni della Riforma di Martin Lutero. Il viaggio ha dunque una forte connotazione ecumenica. Oggi infatti avrà due incontri ecumenici - un rito nella cattedrale di Lund e un evento con testimonianze nella Malmo Arena - mentre domani, festa di Ognissanti, celebrerà la Messa presso lo stadio di Malmo per i cattolici svedesi, alla quale sono invitati anche gli esponenti della Federazione Luterana.
La partenza da Roma (Lapresse)

La partenza da Roma (Lapresse)


Durante il viaggio in Svezia il Francesco pronuncerà quattro interventi pubblici, tra omelie, discorsi e Angelus. La Svezia ha già accolto un Papa nel 1989, quando Giovanni Paolo II ha compiuto un viaggio in Scandinavia. ​L'arrivo del Pontefice è previsto alle 11 all'aeroporto di Malmo, dove ci sarà l'accoglienza ufficiale ai piedi della scaletta, da parte del premier svedese, Stefan Lofven e del ministro della Cultura, signora Alice Bah-Kuhnke.

Ci saranno anche altre autorità e alcuni membri della Lwf. L'accoglienza non prevede discorsi. Subito dopo, Francesco incontrerà privatamente il premier e il ministro della Cultura. Subito dopo, trasferimento in macchina per circa 42 chilometri a Igelosa, dove presso una grande struttura di ricerca medica che ha già ospitato gli incontri della Conferenza episcopale svedese, Papa Francesco alloggerà durante questo breve
viaggio.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Papa

Le parole, i video e le foto Papa Francesco conquista il cuore di Milano

F.Ognibene, L.Bellaspiga, L.Capuzzi, D.Parozzi, I.Solaini, G.Gambassi, E.Lenzi, V.Salinaro, L.Rosoli