giovedì 14 novembre 2019
In un libro una storia di solidarietà e di speranza tra Egitto, Camerun, Senegal, Siria e Kurdistan. Il medico Alessandro Frigiola e i suoi pazienti raccontati dal fotoreporter Giovanni Porzio

Ci sarà anche Bambini Cardiopatici nel Mondo tra i protagonisti dell’edizione 2019 di Bookcity Milano la manifestazione dedicata ai libri e alla lettura, presente nel territorio metropolitano con oltre 1.500 eventi gratuiti e 3.000 autori, fino a domenica 17 novembre. Per l'occasione il professor Alessandro Frigiola, fondatore e Presidente della Onlus che da quasi 30 anni si impegna per dare una speranza di vita ai piccoli affetti da cardiopatie congenite nei Paesi in via di sviluppo, dialogherà con il fotoreporter Giovanni Porzio. Attraverso le foto tratte dal libro “Le mani nel cuore”, racconterà la sua esperienza con l’Associazione da sempre impegnata anche nel continente africano. Modererà la giornalista di Avvenire, Lucia Bellaspiga. L’appuntamento con Una vita di missioni e di speranza. Il viaggio in 5 continenti di Alessandro Frigiola per curare i bambini cardiopatici è per venerdì 15 novembre alle ore 16.00 presso l’Aula Milani del Policlinico di Milano in via Francesco Sforza 28.

È un’Africa dai mille volti quella che verrà raccontata da Frigiola e Porzio, un’Africa del bisogno e della mancanza, ma soprattutto della speranza e della solidarietà.

Il libro “Le mani nel cuore”, 150 pagine di splendide fotografie realizzate tra il 2015 e il 2016, racconta l’esperienza di Giovanni Porzio a fianco del professor Alessandro Frigiola. Un fotoreportage in cui l’attività di un medico si intreccia con le complessità tipiche dei Paesi in via di sviluppo: dall’insufficienza di strutture cardiochirurgiche alla mancanza di formazione per medici e infermieri, alle gravi situazioni di guerra. Le immagini e le testimonianze raccolte da Porzio proiettano così il lettore, con un realismo a volte spiazzante e drammatico, in situazioni ai confini della vita, all’interno delle sale operatorie degli ospedali e dei centri di cura. In questo viaggio, sono cinque i Paesi che fanno da sfondo alle speranze e alle preoccupazioni dei bambini e dei loro parenti in attesa di un intervento al cuore, alla gioia di una vita salvata e alla concentrazione e all’empatia di medici e infermieri: l’Egitto, il Camerun e il Senegal, la Siria e il Kurdistan.


Il paziente ha superato l'intervento (foto Giovanni Porzio)

Il paziente ha superato l'intervento (foto Giovanni Porzio)

Operare stanca. Il professore Alessandro Frigiola (foto Giovanni Porzio)

Operare stanca. Il professore Alessandro Frigiola (foto Giovanni Porzio)

La preoccupazione dei genitori dei piccoli malati (foto Giovanni Porzio)

La preoccupazione dei genitori dei piccoli malati (foto Giovanni Porzio)

Alessandro Frigiola in sala operatoria (foto Giovanni Porzio)

Alessandro Frigiola in sala operatoria (foto Giovanni Porzio)

È andato tutto bene (foto Giovanni Porzio)

È andato tutto bene (foto Giovanni Porzio)

Da grande farà il medico o l'infermiere. Se potrà studiare (foto Giovanni Porzio)

Da grande farà il medico o l'infermiere. Se potrà studiare (foto Giovanni Porzio)

Ci siamo. Il professore Alessandro Frigiola si prepara per il suo piccolo paziente (foto Giovanni Porzio)

Ci siamo. Il professore Alessandro Frigiola si prepara per il suo piccolo paziente (foto Giovanni Porzio)

Sbarre di speranza (foto Giovanni Porzio)

Sbarre di speranza (foto Giovanni Porzio)

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: