martedì 23 luglio 2019
Registrata a Puerto Rico, assomiglia al canto dei grilli. E' prodotta dalle emissioni radio a bassissima frequenza, che vengono generate nell'atmosfera dalle scie delle meteore
(Ansa)

(Ansa)

Può sembrare assurdo, ma adesso è possibile ascoltare la voce delle stelle cadenti. I poeti (e i musicisti) ci riescono da secoli, ma ora anche le persone normali, attraverso il web, possono provare a sentirne il delicato suono, grazie a una registrazione realizzata a Puerto Rico e pubblicata sul sito Spaceweather.

Perseid Meteors With Sound from Earth to Sky Calculus on Vimeo.

La voce delle Perseidi (questo è il nome ufficiale delle stelle cadenti estive, perché sembrano scaturire dalla costellazione di Perseo) ricorda il canto dei grilli ma è più metallica ed è prodotta dalle emissioni radio a bassissima frequenza, che vengono generate nell'atmosfera dalle scie delle meteore.

Come da tradizione, con le "lacrime di San Lorenzo", il momento migliore per vederle sarà dopo il 10 agosto (tra il 12 e il 13, per essere precisi), cercando di trovare un luogo scuro e remoto, lontano da ogni fonte luminosa. In quei giorni, infatti, la Terra attraversa la parte più densa di detriti che la cometa Swift-Tuttle ha lasciato lungo la sua orbita e che si infrangono nell'atmosfera alla velocità di 200.000 chilometri all'ora, disintegrandosi e producendo le scie luminose.

Secondo le previsioni il livello di attività dello sciame dovrebbe essere di circa 100 meteore all'ora. "Quest'anno le condizioni migliori per osservare queste meteore saranno nella prima parte e negli ultimi giorni del mese di agosto" scrive Enrico Stomeo sul sito dell'Unione Astrofili Italiani (Uai). Questo perché il 15 agosto ci sarà la Luna piena. Tuttavia, si prevede una apparizione non sfavorevole anche a ridosso del plenilunio, "in quanto - spiega l'astrofilo - il disturbo lunare lascerà un'utile finestra osservativa nella seconda parte della notte, quando la Luna ormai bassa sull'orizzonte volgerà al tramonto".

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: