venerdì 19 ottobre 2018
L'incidente nei pressi di Amristar: la gente era assiepata sui binari per assistere ai fuochi d'artificio per una festa indù. I testimoni: dicevano che il tratto era chiuso
Il binario dove il treno ha travolto la folla ad Amristar: la gente credeva che il binario fosse chiuso (Ansa)

Il binario dove il treno ha travolto la folla ad Amristar: la gente credeva che il binario fosse chiuso (Ansa)

COMMENTA E CONDIVIDI

Almeno 60 persone sono morte quando un treno ha travolto la folla che si era radunata sui binari durante le celebrazioni di un festa religiosa, per guardare i fuochi d'artificio. L'incidente si è verificato nei pressi di Amristar, nello Stato del Punjab.

Il dramma di Amristar, nello Stato del Punjab indiano: almeno 50 le vittime (Ansa)

Il dramma di Amristar, nello Stato del Punjab indiano: almeno 50 le vittime (Ansa)

Il treno, in corsa, non è riuscito a fermarsi dopo l'impatto, secondo quanto riferito dalle autorità. Il primo ministro del Punjab, Amarinder Singh, si è detto "scioccato per l'incidente" ed ha chiesto a tutti gli ospedali a tenersi pronti per accogliere i feriti. E almeno una decina dei cinquanta ricoverati appare in gravissime condizioni. Molti testimoni hanno inoltre riferito che era stato detto loro che il binario era stato chiuso e non c'era pericolo. Anche il premier Narendra Modi ha espresso il suo dolore per questa tragedia.

La gente attende notizie vicino al binario dell'incidente (Ansa)

La gente attende notizie vicino al binario dell'incidente (Ansa)


Un deputato di Amristar, Gurjeet Singh si è chiesto chi abbia dato l'autorizzazione ad organizzare l'evento in quella zona. Centinaia di persone, in quel momento, stavano assistendo alle celebrazioni per la festività indù. Gli incidenti ferroviari sono comuni in India, ma quello odierno è stato tra i più cruenti degli ultimi anni. Nel 2016, 146 persone rimasero uccise nell'est del Paese, per il deragliamento di un treno.

I video trasmessi dalle Tv indiane:




© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: