sabato 19 ottobre 2019
Tre persone arrestate, di cui due minorenni. Scioperi e strade bloccate a Barcellona
Foto Ansa

Foto Ansa

COMMENTA E CONDIVIDI

Sale a 89 feriti e 31 arresti il bilancio della quinta notte di proteste e scontri a Barcellona, dove la polizia ha anche fatto uso per la prima volta - riferisce la stampa spagnola - di un camion idrante per farsi strada lungo le vie del centro invase di manifestanti e costeggiate di barricate in fiamme. Dopo la mezzanotte, dopo più di sette ore di combattimenti, le violenze sono diminuite di intensità. Per le vie del centro sono rimasti numerosi agenti e i sassi usati negli scontri.

Oltre mezzo milione di manifestanti, secondo la Guardia urbana, la polizia municipale, di Barcellona hanno partecipano alla protesta in corso nel centro della città.

La polizia nazionale ha sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma contro i manifestanti che avevano costruito barricate e lanciato oggetti contro gli agenti. I disordini sono iniziati a pochi metri dal quartier generale della polizia nazionale e si sono estesi in piazza Urquinaona, dove decine di uomini incappucciati continuano a lanciare pietre contro i poliziotti.

All'aeroporto di Barcellona sono stati cancellati 57 voli dei quasi 1.000 previsti. In corso lo sciopero generale, indetto per protesta dopo la sentenza di condanna dei leader separatisti. La Sagrada Familia ha annunciato la sospensione di tutte le visite per via dello sciopero generale e dei cortei.

Foto Ansa

Foto Ansa

Intanto, in Belgio, dopo essersi presentato volontariamente alle autorità, Carles Puigdemont è stato rilasciato. "Sono stato rilasciato senza cauzione, resto a disposizione della giustizia belga. Non lascerò il Paese", ha detto ai media l'ex presidente della Catalogna. Lunedì un giudice spagnolo aveva emmesso un nuovo mandato di arresto internazionale per Puigdemont con l'accusa di sedizione e appropriazione indebita per la fallita secessione catalana dell'ottobre 2017.

E ormai è ufficiale, il 'classico' Barcellona-Real Madrid è stato rinviato. La partita non si giocherà il prossimo 26 ottobre. La federcalcio spagnola, dopo la riunione del comitato delle competizioni, ha ufficializzato il rinvio per ragioni di sicurezza alla luce degli scontri di questi giorni nella città catalana. I due club sarebbero orientati a recuperare la partita mercoledì 18 dicembre.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: