lunedì 7 ottobre 2019
I numeri usciti dalle urne affidano al Ps, che ha governato negli ultimi quattro anni con il sostegno di due partiti di estrema sinistra più piccoli, 106 dei 230 seggi del Parlamento
Il premier portoghese uscente Antonio Costa esce vincitore dalle urne che riconfermano i socialisti primo partito (LaPresse)

Il premier portoghese uscente Antonio Costa esce vincitore dalle urne che riconfermano i socialisti primo partito (LaPresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

I socialisti portoghesi, guidati dal premier uscente, Antonio Costa, hanno vinto le elezioni legislative dopo aver guidato un governo di crescita dopo anni di austerità. E ora il premier punta a confermare l'esperienza dell'esecutivo con la stessa alleanza di sinistra. «Al Paese serve stabilità e lavoreremo per questo», ha assicurato annunciando la sua vittoria.

Il Partito socialista (Ps) si è aggiudicato il 36,65 per cento dei voti, seguito dai socialdemocratici di centrodestra (Psd) con il 27,9 per cento, secondo i risultati quasi definitivi diffusi del ministero dell'Interno.

I numeri usciti dalle urne affidano al Ps, che ha governato negli ultimi quattro anni con il sostegno di due partiti di estrema sinistra più piccoli, 106 dei 230 seggi del Parlamento, passando dagli 86 dell'Assemblea uscente e a soli dieci dalla maggioranza assoluta. Quattro seggi devono ancora essere assegnati in base ai risultati dei voti espressi all'estero.

Il risultato va in controtendenza rispetto al declino europeo del centrosinistra e all'ascesa delle forze populiste di estrema destra. Una nuova formazione di estrema destra, Chega! ("È abbastanza!") è entrata nel Parlamento di Lisbona per la prima volta ma con un solo seggio.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: