lunedì 8 gennaio 2018
Le tre religiose sono state liberate insieme ad altre 3 persone nel corso di un'operazione di polizia. I sequestratori sono riusciti a fuggire
Fedeli in preghiera in una chiesa cattolica in Nigeria (Reuters)

Fedeli in preghiera in una chiesa cattolica in Nigeria (Reuters)

Sei persone, tra cui tre suore, sequestrate a novembre dello scorso anno nello Stato federato meridionale nigeriano di Edo, sono state liberate. Lo ha riferito oggi il quotidiano Vanguard, citato dall'Osservatore Romano. La madre superiora del convento del Cuore Eucaristico di Cristo, Agatha Osarekhoe, ha confermato la liberazione. "Stanno bene, si trovano in ospedale per una visita", ha dichiarato Osarekhoe al giornale.

Le tre suore erano state rapite dal loro convento a Iguoriakhi, nell'area del governatorato locale di Ovia, a sud-ovest della Nigeria. I sequestratori avevano chiesto un riscatto di circa 54.000 dollari per il loro rilascio, una somma che però la madre superiora assicura non sia stata pagata.

"Nessun riscatto è stato pagato. Sappiamo - ha infatti detto - che la polizia ha fatto del proprio meglio; dovevano fare il proprio lavoro. L'importante è che le sorelle sono libere".

Il commissario di polizia, Johnson Kokumo, ha affermato che le sei persone sono state liberate durante un'operazione compiuta da agenti delle forze di sicurezza, affermando che i sequestratori sono fuggiti una volta scoperti.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: