giovedì 14 giugno 2018
L'ultimo caso: una migrante arrivata dall'Honduras è stata ammanettata mentre allattava e la neonata le è stata portata via
Migranti al confine tra Messico e Stati Uniti (Ansa)

Migranti al confine tra Messico e Stati Uniti (Ansa)

Negli Stati Uniti sono almeno 2mila i bambini che sono stati separati dai genitori a seguito del varo da parte dell'amministrazione Trump di una nuova politica di "tolleranza zero" che porta all'arresto di tutti i migranti che tentano di attraversare il confine tra Messico e Stati Uniti.

È stato il portavoce del dipartimento della Sicurezza Interna, Jonathan Hoffman, a dare i primi dati dell'applicazione di questa controversa politica: dal 19 aprile allo scorso 31 maggio sono stati 1.995 i bambini separati da 1.940 adulti con i quali avevano attraversato il confine. Dal momento che i loro genitori sono stati incriminati e quindi verranno processati, i minori sono stati sottratti e trasferiti incentri gestiti dai servizi sociali, senza nessuna chiara indicazione sul loro futuro.

Uno dei casi più recenti riguarda una donna arrivata illegalmente negli Usa dall'Honduras, che è stata ammanettata dalle autorità di frontiera americane le quali le hanno strappato la figlia neonata dalle braccia mentre la stava allattando in un centro di detenzione del Texas. Lo ha riferito il 14 giugno alla Cnn Natalia Cornelio, una avvocatessa del Texas Civil Rights Project.

© Riproduzione riservata