sabato 31 agosto 2019
Nonostante i, divieto della polizia a manifestare, diverse migliaia di persone si sono radunate a Wanchai, nel centro dell'isola. Si temono incidenti
In migliaia hanno sfidasto le autorità scendendo di nuovo in piazza (Ansa)

In migliaia hanno sfidasto le autorità scendendo di nuovo in piazza (Ansa)

COMMENTA E CONDIVIDI

La sfida continua: migliaia di persone sono scese in strada a Hong Kong per manifestare a favore della democrazia nonostante il divieto della polizia che non ha concesso l'autorizzazione, a causa degli scontri della settimana scorsa. E, anche oggi, si temono nuovi violenti scontri, con i manifestanti che organizzano barricate e gli agenti che preparano i mezzi dotati di idranti per disperdere la folla.

La polizia si è schierata a protezione delle sedi del governo di pechino (Ap)

La polizia si è schierata a protezione delle sedi del governo di pechino (Ap)

Per aggirare il divieto, sono state convocate preghiere religiose che non richiedono le stesse autorizzazioni. E nel primo pomeriggio, diverse migliaia di persone si sono radunate a Wanchai, nel centro dell'isola. In previsione degli scontri, la polizia ha eretto nuove barriere intorno all'Ufficio di collegamento, che ospita le filiali del governo centrale cinese nell'ex colonia britannica. Nel tardo pomeriggio di Hong Kong, la polizia ha sparato lacrimogeni per disperdere la folla, che ha risposto con il lancio di pietre.


© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: