Stati Uniti. Georgia, iniezione letale per detenuto 73enne


mercoledì 3 febbraio 2016
​Jones era il più anziano nel braccio della morte. Era stato condannato 37 anni fa per l'uccisione di un uomo.
Georgia, iniezione letale per detenuto 73enne
​Lo Stato americano della Georgia ha eseguito la condanna a  morte del suo detenuto più anziano nel braccio della morte: il 72enne Brandon Astor Jones, condannato 36 anni fa per avere ucciso il direttore di un negozio durante una rapina. L'esecuzione è stata ritardata di alcune ore dopo che i suoi avvocati hanno presentato all'ultimo minuto un appello alla Corte suprema. Dal 1976 in Georgia sono state eseguite circa 60 condanne a morte e decine di persone si trovano ancora nel braccio della morte.
Jones, che tra due settimane avrebbe compiuto 73 anni, è stato ucciso con un'iniezione letale in una prigione di Jackson. Sia lui che un altro uomo, Van Roosevelt Solomon, ucciso nel 1985, sono stati condannati per l'uccisione di Roger Tackett nel 1979. Alcuni suoi sostenitori ritengono che Jones abbia negato di avere sparato a Tackett e che il tribunale non abbia tenuto conto delle prove di malattia mentale e degli abusi sessuali subiti da piccolo.Inizialmente, Jones era stato condannato a morte, ma, nel 1989, un giudice federale ha annullato la sentenza perché nell'aula delle deliberazioni della giuria era stata portata una Bibbia, che avrebbepotuto condizionare la decisione. Tuttavia, nel 1997 una nuova sentenza lo ha condannato definitivamente a morte.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: