mercoledì 30 novembre 2016
Il numero di biciclette in circolazione ha superato quello delle automobili. In cifre: 265.700 due ruote a pedali contro 252.600 quattro ruote a motore. Un sorpasso storico
Il sorpasso storico di Copenaghen: più bici che auto

Le biciclette sorpassano le automobili. Succede in Danimarca, a Copenaghen. Stando a quanto rilevato dai contatori installati
nelle strade dalla municipalità, lo scorso anno il numero di biciclette in circolazione ha superato quello delle automobili. In cifre: 265.700 due ruote a pedali contro 252.600 quattro ruote a motore. Un sorpasso storico, ma non inatteso. Nel 2015 il traffico delle bici nella città della Sirenetta è cresciuto del 15%, quello delle auto è sceso dell’1%. Una tendenza che viene da lontano, dagli anni 70, quando le auto erano quattro volte più numerose delle bici, e che non si è mai fermata: negli ultimi 20 anni il traffico delle due ruote in città è cresciuto del 68%.

All’origine del sorpasso c’è una predisposizione della popolazione alla mobilità sostenibile e leggera, ma soprattutto ci sono forti
investimenti pubblici. Il Comune di Copenaghen dal 2005 ha investito un miliardo di corone danesi, circa 90 milioni di euro, in infrastrutture per favorire il traffico su due ruote, dalle piste ciclabili ai ponti riservati alle bici. Il risultato: oggi il 41% dei cittadini si sposta pedalando e l’obiettivo degli amministratori è elevare questa percentuale al 50% entro i prossimi dieci anni.

Copenhagen è tra le città all’avanguardia nel mondo in fatto di cultura ciclabile. Il Copenhagenize Index è uno speciale indice elaborato da esperti danesi di vivibilità urbana che periodicamente verifica nelle città la qualità dell’ambiente e delle infrastrutture per i ciclisti.

In testa c’è proprio Copenaghen, seguita a ruota da due città olandesi, Amsterdam e Utrecht. Nessuna città italiana nelle prime 20. Sarà anche per questo che la Danimarca è in testa al World Happiness Report, la classifica mondiale dei Paesi più felici?

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: