martedì 1 agosto 2017
Eletto dal parlamento a quattro giorni dall'uscita di scena di Sharif dopo una sentenza della Corte suprema che lo accusa di corruzione
Shahid Khaqan Abbasi, ex ministro del Petrolio, è il nuovo premier del Pakistan (Ansa)

Shahid Khaqan Abbasi, ex ministro del Petrolio, è il nuovo premier del Pakistan (Ansa)

È Shahid Khaqan Abbasi, ex ministro del Petrolio e stretto alleato del premier uscente Sharif, il nuovo primo ministro del Pakistan. Lo ha reso noto il presidente dell'Assemblea nazionale pachistana, Sardar Ayaz Sadiq. Il neopremier Abbasi è stato eletto con 221 voti sui 342 totali e giurerà oggi. Il suo rivale Syed Naveed Qamar ha ottenuto 47 preferenze.

Subito dopo il voto, i deputati del partito di maggioranza Pakistan Muslim League (Nawaz) si sono alzati in piedi inneggiando al «leone Nawaz Sharif» in atteggiamento di sfida alla sentenza della Corte suprema, che venerdì scorso aveva rimosso dal suo incarico Nawaz Sharif, già premier per tre volte consecutive, perché accusato di corruzione.

I giudici hanno contestato a Sharif di non avere dichiarato un salario di 10.000 dirham che gli veniva versato da un'azienda posseduta da uno dei suoi figli negli Emirati Arabi Uniti. Sebbene Sharif abbia negato di avere ricevuto il denaro in questione, i cinque giudici nel loro verdetto hanno ritenuto che il primo ministro non si sia comportato come un «membro onesto del Parlamento», come previsto dalla Costituzione. Non è la prima volta che in Pakistan un premier viene rimosso dalla Corte suprema.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: