lunedì 12 aprile 2021
L'imbarcazione, con circa 60 persone a bordo, fuggiva dallo Yemen e si è capovolta davanti alla costa africana. Era inseguita dalla Guardia costiera, il mare era grosso
Un'imbarcazione di migranti

Un'imbarcazione di migranti - Lapresse

COMMENTA E CONDIVIDI

Trentaquattro migranti, tra cui molti bambini, sono morti in seguito al ribaltamento della loro imbarcazione al largo di Gibuti. Lo rende noto l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim).

Il naufragio è avvenuto intorno alle 4 del mattino, a nord di Obock sulla costa di Gibuti. Tra i 34 corpi senza vita ci sarebbero quelli di "molti bambini", ha detto all'Afp una fonte dell'Oim. "La barca aveva lasciato lo Yemen con circa 60 migranti a bordo, secondo i sopravvissuti", ha aggiunto la fonte. "È stata inseguita dalla Guardia costiera, mentre il mare si ingrossava e il tempo peggiorava". I sopravvissuti sono stati "accolti dall'Oim e dalle autorità di Gibuti".

Secondo Mohammed Abdiker, direttore dell'Oim per l'Est e il Corno d'Africa, si tratta della "seconda tragedia del genere in poco più di un mese", dopo la morte di 20 persone nello stesso stretto di Bab el-Mandeb il 4 marzo.

Lo stretto di Bab el-Mandeb, che separa Gibuti dallo Yemen, è un punto di intenso traffico di migranti e profughi: s'imbarcano gli yemeniti in fuga dalla guerra ma anche, sulla rotta inversa, gli africani che tentano la fortuna nella penisola arabica. E anche qui, come nel Mediterraneo, sono attivi i trafficanti di persone.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: