Il popolo e le unioni civili. Una veglia di preghiera mariana per riscoprire la bellezza della famiglia


sabato 23 gennaio 2016
Il dibattito sulle unioni civili fa crescere la mobilitazione popolare. Mentre si afficina la manifestazione nazionale in difesa della famiglia, si promuovono momenti di preghiera in basiliche e santuari martedì 26 gennaio.  La lista dei santuari e delle basiliche

Il dibattito sulle unioni civili fa crescere la mobilitazione popolare. E mentre si afficina la manifestazione nazionale in difesa della famiglia, promossa a Roma per il 30 gennaio, è stata organizzata anche una veglia di preghiera mariana per la sera di martedì 26 gennaio. "Abbiamo voluto lanciare questa idea di una veglia mariana dedicata alle donne e alle madri che sarà realizzata, presso la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, martedì 26 gennaio, a partire dalle ore 20:45", spiega ai microfoni della Radio Vaticana il presidente del Rinnovamento nello Spirito, Salvatore Martinez. "Il gesto - continua Martinez - verrà replicato contestualmente: ci sembra, infatti, molto bello che tutto il Paese stia in preghiera nei principali Santuari d’Italia, alla stessa ora, per riaffermare la bellezza della maternità, della paternità, la dignità della donna e dell’uomo. Sono tutti invitati a questa veglia mariana, in modo particolare le donne, le madri, e chiediamo proprio a loro di venire con un fiore per Maria, affinché sbocci nei nostri cuori la verità per il bene comune, per la vita, per la famiglia, così come fa Papa Francesco che porta sempre un fiore alla Madonna". La Veglia mariana dedicata alle donne e alle madri “Porta un fiore a Maria… e lascia sbocciare la verità!”, è stata promossa da alcune Associazioni e Movimenti ecclesiali italiani e in collaborazione con la Diocesi di Roma. Dove in contemporanea La Veglia si terrà in contemporanea presso: Pontificia Basilica di Sant’Antonio di PADOVA Santuario della Santa Casa di LORETO Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola - ASSISI Pontificio Santuario della Beata Vergine del Santo Rosario di POMPEI Santuario nazionale Maria Madre e Regina di Monte Grisa - TRIESTE Santuario Madonna di San Luca – BOLOGNA Santuario Madonna delle Grazie di Montenero – LIVORNO Santuario del Volto Santo di MANOPPELLO (PE) Santuario di San Pio da Pietrelcina in SAN GIOVANNI ROTONDO Basilica Santuario Madonna delle Lacrime di SIRACUSA Basilica Santuario Madonna di Monserrato VALLELONGA (VV) Basilica di San Giovanni Battista FOGGIA Basilica Santuario Sant’Antonio MESSINA Santuario Maria SS. Annunziata GIUGLIANO IN CAMPANIA Santuario Santa Maria Madre della Chiesa JADDICO - BRINDISI Santuario Madonna della Grotta MODUGNO (BA) Santuario Madonna della Grotta PRAIA A MARE Santuario Maria SS. Annunziata TRAPANI "Nei momenti in cui la confusione regna, le coscienze si fanno erronee e si assopiscono, l’unità di un popolo è attentata, i credenti ricorrono con fede alla preghiera - si legge in una nota del Rinnovamento -. La preghiera è la vita spirituale di un popolo: ci fa coscientizzare quanto accade sotto i nostri occhi e ci spinge a discernere il bene dal male. La preghiera compie sempre miracoli! Le donne e gli uomini della preghiera, nel tempo della crisi dell’umano, sono la più grande riserva di speranza e di difesa della vita, riconosciuta e custodita come dono d’amore. Nella preghiera è il segreto del vero umanesimo, che non esclude Dio dalla storia, che non sfida la creazione, le creature, il Creatore. Chi prega ha il coraggio di rischiare con il cuore puro e sconfigge la paura, l’indifferenza, l’individualismo. Chi prega ha sempre voglia di impegnarsi!" E conclude: "Guardando a Maria, Madre di tutti i credenti, chiediamo al Signore che ridesti nel nostro Paese lo stupore per la bellezza della maternità e della paternità, della dignità della donna e dell’uomo e del loro amore sponsale e generativo in una famiglia".

© Riproduzione riservata